Scopri il mondo Touring

Ravenna Jazz

Ravenna Jazz 2015, con la sua ricca sfilata di vocalist, avrà molto da dire (e da far ascoltare) in tema di jazz cantato.
 
Scorrendo il cartellone della 42a edizione del festival, in scena dal 2 all’11 maggio, c’è da diventare ebbri di canto: Dee Dee Bridgewater, Dianne Reeves, Gregory Porter, Sarah Jane Morris, Cristina Donà, Jennifer Maidman, Mina Agossi, le tre Blue Dolls, senza trascurare l’imponente massa corale del “Pazzi di Jazz” Young Project (che coinvolgerà anche Paolo Fresu). Concentrata nel giro di dieci intensi giorni, questa parata di star trasformerà il festival ravennate in una specie di interminabile notte degli Oscar del jazz vocale.
Ma anche sul fronte del jazz puramente strumentale Ravenna Jazz 2015 ha in mano carte vincenti come Arturo Sandoval, Francesco Bearzatti con martux_m, Alessandro Scala con Flavio Boltro.
Il notevole successo della precedente annata spinge Ravenna Jazz a proseguire nella sua ritrovata magniloquenza: ben 10 giorni fitti di appuntamenti, con concerti serali al Teatro Alighieri, i live di “Ravenna 42° Jazz Club” in vari club della città e dei dintorni (il Mama’s Club, il Teatro Socjale di Piangipane, il Cisim di Lido Adriano), oltre ai concerti ‘Aperitifs’ che si terranno ogni pomeriggio in numerosi locali cittadini.
Ravenna Jazz è organizzato da Jazz Network con la collaborazione degli Assessorati alla Cultura del Comune di Ravenna e della Regione Emilia-Romagna, con il contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, con il sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, e con il patrocinio della SIAE.
 
I concerti principali del festival, al Teatro Alighieri (con inizio sempre alle ore 21), chiameranno a raccolta le più prestigiose voci del jazz statunitense, a partire dalla data inaugurale del festival: sabato 2 maggio Dee Dee Bridgewater andrà in scena affiancata dal trombettista Irvin Mayfield e i New Orleans 7. La voce felina di Dee Dee alle prese coi fondamentali della cultura jazz statunitense: il suo nuovo progetto è infatti sentito ricordo in musica alla New Orleans spazzata via dall’uragano Katrina.
Sarà parecchio stimolante ascoltare, solo pochi giorni dopo, un’altra grande star del canto afro-americano, Dianne Reeves, che presenterà il repertorio R&B, latino e pop del suo più recente album, Beautiful Life (venerdì 8): la più aurea tradizione del canto jazz in un sontuoso incontro con le musiche popolari.
Sul fronte delle voci maschili ecco Gregory Porter, che arriverà a Ravenna domenica 10: il più sensazionale cantante emerso nella black music degli ultimi anni completerà il quadro sulla più esaltante vocalità afro. Cresciuto coltivando il mito di Nat King Cole, Porter ha poi fatto confluire blues e gospel nell’alveo delle strutture della jazz song: la sua voce vibrante ed espressiva ha fatto il resto.
La serata di giovedì 7, con “Soupsongs”, l’omaggio alla musica di Robert Wyatt eseguito dal gruppo della trombonista inglese Annie Whitehead, sarà invece una specie di tour vocale europeo con ben tre cantanti di primissimo piano in front line: l’italiana Cristina Donà e le britanniche Sarah Jane Morris e Jennifer Maidman.
Musica solo strumentale, e assolutamente travolgente, si ascolterà sabato 9, con il sestetto di Arturo Sandoval, la più vigorosa tromba del latin jazz.
 
 

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club