Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Puglia: dall'Adriatico allo Ionio, viaggio Tci da Napoli

Puglia: dall'Adriatico allo Ionio, viaggio Tci da Napoli

Quattro giorni, in occasione del ponte del 2 giugno, in esclusiva per i soci e gli amici del Touring Club Italiano, dall'Adriatico allo Ionio, percorrendo le vie consolari per scoprire le bellezze nascoste di una regione ricca di storia e raggiungere, infine, la greca Taranto con i suoi ori e il Castello Aragonese. 

 

Polignano a Mare: ha una storia molto antica: riscontrata presenza umana risalente al Neolitico. Probabilmente rifondata da Dionigi di Siracusa nel VI sec. a. C., col nome di Neapolis.
Visiteremo il centro storico con la Chiesa Matrice dell’Assunta e i resti della dominazione romana.
Tra questi ultimi il ponte della Via Traiana, tuttora percorribile, che attraversa Lama Monachile, la profonda insenatura immediatamente a nord del centro storico.
Di notevole interesse naturalistico sono le sue grotte marine. 

Ostuni: la Città Bianca, per via del suo caratteristico centro storico, un tempo interamente dipinto con calce bianca, che la risparmiò dalla peste del ‘600. Angioina, Aragonese e poi di proprietà asburgica, fu venduta agli Zevallos.
Visita al Museo di Civiltà Preclassiche della Murgia Meridionale, con lo scheletro di Delia, ventiduenne morta 25.000 anni fa. 

Acaia: l'antico borgo di Segine, di epoca medievale, entrò a far parte della Contea di Lecce nel XII secolo.
Caratterizzata da un castello cinquecentesco che conserva ancora il suo aspetto di rocca rinascimentale fortificata. 

 

Roca Vecchia: centro turistico caratterizzato da una torre cinquecentesca e dalle due grotte Pasia (o della Poesia) distanti una sessantina di metri dal mare, con iscrizioni messapiche (ma anche latine e greche) da cui è stato possibile stabilire che fossero anticamente luogo di culto del dio Taotor.
Residui di fortificazioni del XV sec. a.C.. 

Otranto: abitata già dal Neolitico, fu poi popolata dai Messapi, dai Greci, quindi cadde nelle mani dei Romani, di cui fu importante porto. Poi fu ancora bizantina, gotica, normanna, sveva, angioina e aragonese.
Visita alla Cattedrale con il monumentale mosaico pavimentale (il più grande in Europa) e la cappella dei Martiri, edificata per ordine di Ferdinando I di Napoli, in cui sono conservati i resti degli ottocento abitanti di Otranto massacrati e decapitati dai Turchi sul Colle della Minerva il 14 agosto del 1480.
Le reliquie dei martiri sono deposte in sette grandi armadi. 

 

Corigliano d’Otranto: pranzo nel borgo Bandiera Arancione TCI, dove si parla ancora Griko o Grecanico, con la verde e vivace Piazza Vittoria, splendidi palazzi barocchi, e la Porta Sud (Cauporta) dominata dal bel Castello de’ Monti. 

Lecce: Città d'arte nota come "la Firenze del Sud" o la "Firenze del Barocco".
Le antichissime origini messapiche e i resti archeologici della dominazione romana si mescolano alla ricchezza e all’esuberanza del barocco seicentesco.
Inizialmente meno importante della potente Otranto, solo in epoca normanna rinacque fino a diventare capoluogo del Salento.
Visita al Centro Storico, al Duomo e al Museo “Sigismondo Castromediano”. 

Galatina: la tradizione vuole che l'apostolo San Pietro si fermasse in questo luogo nel suo viaggio da Antiochia a Roma. Ricco ducato, circondato da possenti mura ciquecentesche, è da visitare almeno per poterne ammirare la basilica di Santa Caterina d'Alessandria, dichiarata monumento nazionale nel 1870, insigne monumento dell'arte romanica e gotica edificato tra 1369 e il 1391, per custodire la reliquia del dito di santa Caterina d'Alessandria al ritorno dalle Crociate.  

 

Gallipoli: divisa in due parti: il borgo e il centro storico, è sede vescovile dal VI secolo e dal 2015 è presidente delle Città storiche del Mediterraneo.
L'impianto urbanistico della città vecchia è dovuto all’origine messapica ma anche a motivi militari e climatici (la tortuosità delle strade è un'ottima difesa contro le truppe nemiche e i venti dominanti); caratteristico il fatto che nel centro storico non esistono vere e proprie piazze ma al più qualche slargo. Passeggiata per il centro e visita al castello angioino/aragonese.  
S. Maria al Bagno: si sviluppa inizialmente come un piccolo borgo di pescatori abitato in seguito anche dai Messapi e Romani.
Riferibili al periodo messapico sono le numerose tombe scavate nella roccia rinvenute sulle alture appena fuori il centro abitato.
Nel 272 a.C. Santa Maria, cadde, come tutto il Salento, sotto il controllo dei Romani che qui realizzarono il porto “Emporium Nauna” gli edifici termali con le vasche per i bagni.  
Manduria: nota anche come "Città dei Messapi" e del "Primitivo", conserva le mura megalitiche, i resti del fossato e la necropoli messapiche.
Visita al Parco archeologico delle Mura messapiche, al centro storico che si sviluppa in una serie di stradine strette e contorte, soprattutto nella zona del ghetto, alla Chiesa 
collegiata romanica o Chiesa Madre (XV sec.) pregevole esempio di architettura religiosa pugliese che all'impianto romanico fonde influssi ed elementi tardo-gotici e catalaneggianti.  

Taranto: antica colonia magno-greca, è conosciuta come la "Città dei due mari"; offre uno dei panorami architettonici più ricchi e vari dell'intera penisola.

Dagli antichi luoghi di culto, tra i quali i resti del Tempio Dorico, i resti archeologici delle necropoli greco-romane e delle tombe a camera, la Cripta del Redentore, ai palazzi appartenuti alle famiglie nobili; dal romanico della Chiesa di San Domenico Maggiore ai palazzi in stile rinascimentale del Borgo Umbertino, dal gotico della Chiesa di San Francesco da Paola al Borgo al barocco delle chiese e dei palazzi signorili della città vecchia, dalle rimanenze di strutture medievali (come la Torre del Gallo nell'agglomerato del centro storico) alle forme decisamente più eleganti di palazzi e installazioni in stile liberty e neoclassico.
Numerose anche le cripte, i monasteri, i santuari e le edicole votive.
Visita al Museo Nazionale Archeologico di Taranto, istituito nel 1887, che ospita gli ori di Taranto, una collezione di gioielli tra cui anelli, orecchini, bracciali, corone e bellissimi monili di epoca magno-greca. Passeggiata al Castello Aragonese.

 

. Partecipanti min / max: 25 / 40 
Quote:
. € 440,00 per i soci in camera doppia - € 470,00 camera singola 
. € 480,00 per i non soci in camera doppia - € 510,00 camera singola 

Altre informazioni utili: 

informazioni e prenotazioni: 
Punto Touring di Napoli 
Via Cimarosa 38, 80127 – Napoli 
lun – ven: 9 /13,30 e 15 / 19 
sab: 9,30 / 13,30 
tel: 081/19137807 
email: prenotazionitcina@gmail.com 

 

PROGRAMMA DI MASSIMA 
primo giorno – giovedì 2 giugno 2016: 
Napoli - Polignano a Mare(BA), Ostuni (BR), Salice Salentino (LE) 
Partenza da Napoli: 7,30 Piazza Vanvitelli e 8,00 P.zza Garibaldi (alle spalle del monumento). Il pullman partirà inderogabilmente cinque minuti dopo l’orario previsto in programma o indicato dal console accompagnatore. 
Si percorre l'Autostrada A14 Napoli – Bari. Poi per viabilità locale fino a Polignano a Mare. 
Visita al Castello e alla Cattedrale di Polignano a Mare. 
Al termine della visita pranzo presso il ristorante La Terrazza con il seguente menù: Antipasto: piatto unico, insalata di mare, cozze al gratin, soufflé al salmone, Primo: Cavatelli ai frutti di mare, Secondo: pesce spada alla gallipolina con insalata mista, Frutta, acqua minerale, vino e caffè. 
Dopo il pranzo trasferimento a Ostuni. Arrivo e visita guidata del centro storico di Ostuni e del Museo di Civiltà Preclassiche. 
Al termine trasferimento all’Hotel Casale San Giovanni - Strada Provinciale 107 Salice / Avetrana - 73015 
Salice Salentino (Le) - tel 0832/732099. 
Cena in Hotel con il seguente menù: Antipasto: cozze al gratin, pepata di cozze, sformatino di gamberetti e zucchine, pittole, crocchette, polpette, formaggi freschi, Primo: strozzapreti cozze, vongole e ciliegine, Secondo: frittura mista di mare con insalata mista e patatine fritte, Dessert: Compostina di frutta con gelato, acqua minerale e vino. Pernottamento. 
secondo giorno – venerdì 3 giugno 2016: 
Salice - Acaia - Roca Vecchia - Otranto - Corigliano - Lecce
Colazione in albergo. 
Trasferimento a Otranto. Lungo il percorso visita di Acaia e Roca Vecchia. 
Arrivo e visita guidata di Otranto. 
Al termine trasferimento a Corigliano d’Otranto con pranzo presso il ristorante Olo Kalòs con il seguente menù: Antipasto: verdure, ortaggi misti, fritto misto (polpette di carne, crocchette di patate e pittule), Primi: Orecchiette con pomodoro, melanzane salsiccia e ricotta marzotica, Maccheroncini d’orzo con mentuccia, ricotta e pomodori secchi, Secondo: Arrosto misto di carne con patate al forno, Dessert: pasticci otto leccese, acqua minerale, vino e caffè. 
Al termine trasferimento e visita guidata di Lecce. 
Cena in Hotel con il seguente menù: Antipasto: torte salate, funghi arrosto, castellati di verdure, salumi misti, bruschette, melanzane e zucchine grigliate, Primo: Foglie d’ulivo con salsiccia e champignon, Secondo: grigliata mista di carne, Dessert: Compostina di frutta con gelato, acqua minerale e vino.
Pernottamento. 
terzo giorno– sabato 4 giugno 2016: 
Salice - Galatina - Gallipoli - Santa Maria al Bagno - Manduria 
Colazione in albergo. 
Trasferimento a Gallipoli con sosta a Galatina. 
Arrivo e visita guidata di Gallipoli. 
Pranzo presso il ristorante Il Pergolino di Santa Maria al Bagno con il seguente menù: Primo (a scelta tra Penne alla corsara, Trofie ai frutti di mare, Risotto alla pescatora, Risotto alla crema di scampi, Linguine alle vongole, Orecchiette al pomodoro), Secondo (a scelta tra Filetto di spigola al forno con patate, Pesce spada alla brace, Frittura mista di gamberi e calamari, Seppia alla brace, Bistecca alla brace, Scaloppina al limone. Insalata mista), sorbetto al limone, acqua e caffè. Il vino non è compreso). 
Al termine trasferimento e visita guidata di Manduria. 
Cena / degustazione presso il Consorzio del Vino Primitivo di Manduria - visita guidata della Cantina e Museo della civiltà del vino Primitivo - degustazione di 5 etichette tenuta da Sommelier con piatti e prodotti tipici della gastronomia locale (tarallini, formaggio, orecchiette al sugo con polpette, dolcetti in pasta di mandorle). 
Rientro in Hotel. Pernottamento. 
quarto giorno – domenica 5 giugno 2016: 
Salice - Taranto - Napoli
Colazione in albergo e check out. 
Trasferimento a Taranto. 
Arrivo a Taranto e visita guidata del Museo Archeologico con i famosi ori di Taranto. 
Passeggiata al Castello Aragonese. 
Pranzo a Taranto presso il ristorante (in corso di definizione). 
Dopo il pranzo, partenza con il pullman per Napoli. Sosta con discesa al parcheggio di via Brin, all’Hotel Terminus e a Piazza Vanvitelli. Rientro previsto entro le ore 20,00.

 

Quote
. € 440,00 per i soci in camera doppia - € 470,00 camera singola 
. € 480,00 per i non soci in camera doppia - € 510,00 camera singola 

La quota comprende: il trasporto in pullman dal punto di riunione alle località prescelte, le visite guidate come da programma, n. 3 pernottamenti con prima colazione, n. 4 pranzi e n. 3 cene come descritti in precedenza, il compenso per le guide, l’assistenza del console, l’assicurazione per la responsabilità civile. 

Il costo degli eventuali biglietti di ingresso è a carico dei singoli partecipanti per consentire, a chi ha diritto alla riduzione o all’esenzione, di poterne usufruire. 

La quota non comprende: la tassa di soggiorno, i biglietti di ingresso, le mance, le spese di carattere personale e tutto quanto non specificato. 
Le prenotazioni sono aperte e scadono automaticamente sette giorni dopo la loro effettuazione, anche telefonica, se non confermate dal versamento della quota. 

Il Corpo Consolare si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione. Le quote non sono rimborsabili in caso di disdetta (vedi regolamento). 

Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del TCI e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania.  

Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club