Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Napoli: "Visita guidata Tci a Palazzo San Teodoro"

Napoli: "Visita guidata Tci a Palazzo San Teodoro"

Palazzo Caracciolo di San Teodoro è un edificio monumentale ubicato sulla Riviera di Chiaia. Il palazzo venne eretto nel XIX secolo su commissione del duca di San Teodoro ed il progetto venne affidato all'architetto neoclassico Guglielmo Bechi. 

L'edificio fu innalzato su tre piani con al centro un loggiato. Il pian terreno, con ordine dorico, presenta una decorazione in piperno, mentre gli altri due piani hanno un decorazione in stucco; la facciata termina con un cornicione a dentelli. La facciata è tutta in rosso pompeiano con bugne piatte al pian terreno.

Una reggia in miniatura affacciata sulla Riviera di Chiaia, proprio di fronte a quella Villa Comunale sorta come passeggio del re in tempi di restaurazione post 1799.

Non tutti lo conoscono, ma Palazzo San Teodoro a Napoli è tra i più significativi luoghi d’arte e cultura della città.

Dimora neoclassica e antica residenza gentilizia, ospitò nel corso della storia anche gli americani durante la seconda guerra mondiale, prima di essere abbandonato e ristrutturato - in seguito ai danni del sisma dell’80 – e dagli inizi degli anni 2000 ha aperto ad eventi privati, cerimonie d’élite e iniziative letterarie. 

Dal '700 agli anni '40 La storia del palazzo si può riassumere così: agli inizi dell’800 il duca Carlo Caracciolo di San Teodoro, senatore del regno, comprò tre edifici sulla Riviera di Chiaia, affidando a Guglielmo Bechi, architetto toscano chiamato dalla Corte borbonica a lavorare nella capitale del Regno delle Due Sicilie, l’incarico di trasformarli in un’unica residenza di prestigio.

Ci riuscì degnamente e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: Palazzo San Teodoro non ha nulla da invidiare alla vicina Villa Pignatelli, anch’essa capolavoro del Bechi.

I Caracciolo sono rimasti proprietari del palazzo per quasi un secolo, poi, il bell’edificio rosso pompeiano passò di mano in mano fino alla famiglia Micillo e agli interventi che lo hanno preservato e coltivato come un «fiore all’occhiello» degno di nota, tanto da attirare le attenzioni del Metropolitan Museum di New York che ha realizzato anni fa un’importante pubblicazione sul singolare affresco delle “centauresse”, meraviglia del soffitto di una stanza del palazzo. 

 

. La manifestazione prevede una libera contribuzione a partire da 2 € per i soci del Touring Club Italiano e da 4 € per i non soci, da corrispondere al momento della visita, per la copertura dei costi del Club di Territorio.

Altre informazioni utili: 

 . è necessaria la prenotazione presso il Club di Territorio di Napoli inviando una email a: 

 napoli@volontaritouring.it 

. Le prenotazioni sono aperte. 

.  Numero max partecipanti: 40 persone 

 

. La manifestazione prevede una libera contribuzione a partire da 2 € per i soci del Touring Club Italiano e da 4 € per i non soci, da corrispondere al momento della visita, per la copertura dei costi del Club di Territorio. 
. I soci e gli amici del Touring Club Italiano regolarmente iscritti alla manifestazione sono coperti da apposita polizza assicurativa per la responsabilità civile. 

. Il Volontario Touring accompagnatore ha la facoltà di variare l’itinerario. La manifestazione si effettua anche in caso di pioggia. 

. Il Club di Territorio di Napoli del Touring Club Italiano si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione. 
. Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del TCI e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania. 
. Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.