Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Napoli: Porta Capuana, S. Caterina a Formiello, visita Chiostro e Lanificio

Napoli: Porta Capuana, S. Caterina a Formiello, visita Chiostro e Lanificio

Una visita inusuale alla scoperta della storia più remota e verace di Napoli con uno sguardo rivolto alla sua rinnovata identità, contemporanea e internazionale.
Visita a Porta Capuana, chiesa di S. Caterina a Formiello e fontana, Lanificio, coffe break.

L’accesso ad Est per la città di Napoli, era sorvegliato dall’imponente Porta Capuana, immediatamente a ridosso dell’antico castello normanno detto Castel Capuano.
Fortificata e ampliata la vecchia cinta muraria a partire dal 1484 sotto gli Aragonesi, la Porta Capuana, che guardava verso la via per Capua e dunque verso Roma, è il più importante accesso della città.
La porta è caratterizzata da due torri in piperno e da decorazioni in marmo pienamente rinascimentali, dove panoplie di armi e stemmi hanno la massima attenzione e glorificano le dinastie di sovrani succedutisi a partire dagli Aragonesi fino a Carlo V.
L’accesso monumentale, immetteva direttamente allo slargo del Formiello occupato dall’antica fontana poi spostata, perché l’antico acquedotto di formali sotterranei, da cui deriva il nome, ha da sempre innervato il sottosuolo della città per l’indispensabile approvvigionamento idrico.
Appena superata la porta monumentale, immediatamente a destra, sorge la slanciata ed elegante chiesa di Santa Caterina a Formiello, gioiello rinascimentale, arricchita negli anni aragonesi da una nuova veste stilistica nelle linee pure del Rinascimento toscano.
Al suo interno si conservano preziosi gioielli: nell’atmosfera barocca del rifacimento successivo, tra le altre opere significative si conservano, una madonna in tondo di marmo del 1500, gli splendidi sepolcri con le preziose sculture della famiglia Spinelli posti sul presbiterio, oltre allo slanciatissimo tamburo della cupola. E soprattutto, le reliquie della famosa strage di Otranto che occorse sotto il regno aragonese a mobilitare l’esercito di alleati contro i mori nelle Puglie.
Alla chiesa appartengono i chiostri, inglobati nelle strutture di epoca successiva e che costituiscono un unicum di archeologia urbana.
Dopo aver visitato la chiesa e la relativa fontana del Formiello, monumentalizzata dal 1573 sulla preesistenza medievale, e che oggi si appoggia alle pareti di Castel Capuano, la visita prosegue attraverso le strutture del Lanificio sorto dopo la soppressione murattiana del 1809, e utilizzato dai Borbone per il confezionamento delle divise militari del Regno, e poi successivamente, affidate alla governance della famiglia Sava.
Soppressa questa attività, gli ampi spazi dei chiostri e del convento -lanificio militare, caddero lentamente ed inesorabilmente in declino e vennero venduti senza alcuna logica.
Nel corso degli anni, il degrado, l’abusivismo, la delinquenza ne hanno trasformato e alterato l’antica vocazione, finché negli ultimi venti anni, straordinarie attività di recupero e valorizzazione hanno cominciato a funzionare all’interno del vasto complesso.
Visiteremo questa straordinaria vitalità magmatica di collaborazione tra diverse identità: il Lanificio 25, la Galleria Dino Morra, Made in Cloister, e privati cittadini ed artisti, che hanno cominciato ad acquistare gli immobili e trasformali lentamente in piccoli fulcri di arte e residenza, talvolta persino in progettualità estremamente lungimiranti e all’avanguardia, come è il caso della fondazione Made in Cloister che ha recuperato e restaurato in parte il chiostro di Santa Caterina, consentendo attraverso un complesso progetto, lo sviluppo di attività artistico-artigianali all’interno del chiostro stesso.
La visita terminerà con un coffe-break consumato negli splendidi locali di Made in Cloister, e nel suo ristorante interamente realizzato da progetti di recupero di artigiani locali.

Altre informazioni utili: 

informazioni e prenotazioni: 
Punto Touring di Napoli 
Via Cimarosa 38, 80127 – Napoli 
Lun – Ven: 9/13 e 15/19 
Sab: 9.30 / 13 
tel. 081.19137807 
prenotazionitcina@gmail.com 

Quote di partecipazione: 
• € 9,00 per i soci 
• € 13,00 per i non soci
Partecipanti min / max: 20 / 40 
La quota comprende: visita guidata come da programma, assistenza del console, compenso per la guida, coffee break, assicurazione per la responsabilità civile. Il costo degli eventuali biglietti di ingresso è a carico dei singoli partecipanti per 
consentire, a chi ha diritto alla riduzione o all’esenzione, di poterne usufruire.
La quota non comprende: i biglietti di ingresso, le mance, le spese di carattere personale e tutto quanto non specificato.
Nota bene: Le prenotazioni sono confermate al versamento della quota di partecipazione.
Il Corpo Consolare si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione. Le quote non sono rimborsabili in caso di disdetta (v. regolamento).
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del TCI e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania.
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.

 

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club