Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • NAPOLI - LA BASILICA DELL'ANNUNZIATA

NAPOLI - LA BASILICA DELL'ANNUNZIATA

La Basilica della Santissima Annunziata Maggiore è una chiesa basilicale di Napoli; è situata nel quartiere Pendino nei pressi di Forcella, nel centro storico della città.
La basilica attuale fa parte di un vasto complesso monumentale costituito in origine, oltre che dalla chiesa, da un ospedale, un convento, un ospizio per i trovatelli ed un "conservatorio" per le esposte (le ragazze povere e/o prive di famiglia, che venivano internate per conservarne la virtù, ma anche fornite di una piccola dote per essere maritate).L'istituzione, dedicata alla cura dell'infanzia abbandonata, era patrocinata dalla Congregazione della Santissima Annunziata, fondata nel 1318. Nel 1343 la regina Sancha d'Aragona, moglie di Roberto d'Angiò, provvide a dotare la congregazione, che crebbe, da allora, all'ombra dei re di Napoli, assumendo la veste giuridica di Real Casa dell’Annunziata di Napoli.[1]La congregazione, sostenuta dalle famiglie nobili di Napoli, fu ricca ed ebbe vita assai lunga, giungendo fino a metà del Novecento.[2]Nei secoli gli edifici che costituivano il complesso furono variamente rimaneggiati: l'edificio che ancora oggi ospita l'ospedale ginecologico e pediatrico fu restaurato ancora a metà del XVIII dai Borboni, come recitano le iscrizioni del cortile interno.
La ruota degli esposti: Su via dell'Annunziata, a sinistra dell'arco cinquecentesco d'ingresso, è ancora visibile - benché oggi chiuso - il pertugio attraverso il quale venivano introdotti nella ruota gli "esposti", cioè i neonati che le madri abbandonavano, per miseria o perché illegittimi. La ruota e l'ambiente dove essi venivano ricevuti sono stati recentemente restaurati e sono visitabili (da questa condizione derivano i numerosissimi cognomi Esposito, Degli Esposti e così via). A partire dal XVI secolo esistono registri nei quali si annotavano il giorno e l'ora di ingresso, l'età e lineamenti del piccolo, e gli eventuali segni distintivi - abiti, biglietti o piccole doti - con i quali era stato consegnato. A volte si trattava di una parte di una moneta o di un cartiglio, grazie ai quali chi lo lasciava pensava di poterlo riconoscere e riprendere in tempi di miglior fortuna, più spesso i piccoli arrivavano solo con gli stracci che li coprivano. La ruota fu chiusa nel 1875, ma siccome l'unità d'Italia non aveva certo debellato la miseria del popolo, ancora per diversi anni i piccoli continuarono ad essere esposti, nottetempo, sui gradini della chiesa.
Chiesa dell’Annunziata (scheda di Lorella Starita)
Luogo di storia, intimamente legato alla città per la presenza della celebre “ruota” dei bambini “esposti”, il complesso recentemente restaurato è occasione per una visita affascinante. Partendo proprio dagli ambienti della ruota, si attraverso l’ampio cortile, sul quale prospettano gli ambienti del vecchio brefotrofio (poi ospedale) per accedere alla chiesa quattrocentesca rifatta, nel XVIII secolo, in elegantissime forme, da Luigi Vanvitelli, e alla bella Cripta che si estende sotto il transetto della chiesa e che conserva importanti testimonianze scultoree del Cinquecento e del Settecento.