Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Napoli: Area Archeologica di San Lorenzo Maggiore

Napoli: Area Archeologica di San Lorenzo Maggiore

Una visita guidata in esclusiva per i soci e gli amici del Touring Club Italiano per visitare l'area archeologica di San Lorenzo Maggiore, che, grazie a lavori di restauro e scavo, si offre come raro esempio di continuità di vita e testimonianza primaria della storia plurisecolare della città di Napoli.

L'Area Archeologica di San Lorenzo Maggiore 
La néa pòlis, fondata agli inizi del V secolo avanti Cristo, si sviluppava su un pianoro tufaceo, naturalmente circoscritto e digradante dall'altura di Caponapoli verso il mare. Lo schema urbano, caratterizzato dal regolare disegno delle strade, trova il suo centro nell'area dell'agorà-forum, lungo la plateia mediana della città antica, alla confluenza delle odierne strade dei Tribunali e di San Gregorio Armeno.
Nell'area sorge attorno alla metà del XIII secolo il complesso francescano di San Lorenzo Maggiore, che deve il suo nome ad una preesistente basilica paleocristiana, edificata nel corso del VI secolo da Giovanni, vescovo di Napoli dal 537 al 557, che per umiltà aveva assunto l'appellativo di mediocre. L'importanza del monumento e la centralità dell'area è ribadita da notevoli presenze: nel 1334 nella chiesa Boccaccio si innamora di Fiammetta; nel 1345 Petrarca, a Napoli per essere incoronato poeta, soggiorna nel convento.
Grazie a lavori di restauro e scavo San Lorenzo si offre come raro esempio di continuità di vita e testimonianza primaria della storia plurisecolare della città. Importanti testimonianze sono emerse nel 1954-55 a margine di restauri del monumento medievale, ad opera degli archeologi Mario Napoli e Werner Johannowsky. Regolari campagne di scavo e restauro sono state condotte dal 1972 al 1993 e hanno consentito la conoscenza delle fasi antiche del monumento e l'apertura al pubblico. 
Le testimonianze del passato emergono già nella monumentale basilica gotica. Il pavimento moderno nasconde la pianta della preesistente basilica paleocristiana, divisa in cinque navate e preceduta da un quadriportico; in prossimità dell'altare maggiore, opera di Giovanni da Nola, sono visibili, protetti da un calpestio in cristallo, i pavimenti mosaicati dell'abside paleocristiana del VI secolo.
Il complesso chiesa-convento è edificato su intero edificio terrazzato di forma quadrangolare a due livelli. Il grande terrazzo è edificato nel corso del IV secolo avanti Cristo, inglobando una preesistente costruzione. Il terremoto che colpisce Napoli nel 64 dopo Cristo obbliga ad una ricostruzione dell'edificio che resta in vita fino alla fine del V secolo, quando un'alluvione lo sommerge nel piano inferiore. Sul livello dell'alluvione sarà edificata la basilica paleocristiana. Il piano superiore dell'edificio ospita il macellum, il mercato alimentare della città, conservato al di sotto del pavimento del chiostro e che in antico si apriva direttamente sulla plateia prospiciente. 
Dal porticato dell'attuale chiostro si accede attraverso una scala moderna alla strada romana, che è sottoposta di circa 7 metri al livello moderno. La strada corrisponde ad uno dei cardini della città romana (lo stenopòs della città greca); su di essa si aprono una serie di ambienti, in origine uffici pubblici e che nel corso della decadenza degli ultimi secoli dell'Impero si trasformano in modesti opifici quali forni, lavanderie, botteghe.
Gli oggetti rinvenuti nel corso dell'esplorazione sono esposti nell'attiguo museo, realizzato nella torre campanaria. 

Altre informazioni utili: 

informazioni e prenotazioni: 
Punto Touring di Napoli 
Via Cimarosa 38, 80127 – Napoli 
Lun – Ven: 9/13 e 15/19 
Sab: 9.30 / 13 
081.19137807 
prenotazionitcina@gmail.com

Le prenotazioni sono aperte e scadono automaticamente sette giorni dopo la loro effettuazione, anche telefonica, se non confermate dal versamento della quota.
Partecipanti min / max: 25 / 50 
Quote: 
.€ 6,00 per i soci
.€ 10,00 per i non soci
La quota comprende: la visita guidata come da programma, assistenza del console, assicurazioni per la responsabilità civile.
Il costo del biglietto d’ingresso è a carico dei singoli partecipanti per consentire a chi ha diritto alla riduzione o all’esenzione di poterne usufruire.
La quota non comprende: gli ingressi, le mance, le spese di carattere personale e tutto quanto non specificato.
Il Corpo Consolare si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione. Le quote non sono rimborsabili in caso di disdetta (vedi regolamento).
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del TCI e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania.
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club