Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Milano: "Marc Chagall. Una retrospettiva 1908-1985"

Milano: "Marc Chagall. Una retrospettiva 1908-1985"

La più grande retrospettiva mai dedicata in Italia a Marc Chagall. Oltre 220 opere, prevalentemente dipinti, guideranno i visitatori da Le petit salon (1908), suo primo quadro, fino alle ultime monumentali opere degli anni ’80 del Novecento. Il percorso espositivo accosterà spesso per la prima volta opere ancora nelle collezioni degli eredi e talvolta inedite a capolavori provenienti dai maggiori musei del mondo. Il tema dell’esposizione è centrato su una nuova interpretazione del linguaggio di Chagall, la cui vena poetica si è andata costruendo nel corso del Novecento attraverso la commistione delle maggiori tradizioni occidentali europee: dall’ originaria cultura ebraica a quella russa, fino all’incontro con la pittura francese delle avanguardie.
 
La mostra si articolerà in sezioni: le prime opere realizzate in Russia, il primo soggiorno francese e il successivo rientro in Russia fino al 1921, il secondo periodo del suo esilio, prima in Francia e poi, negli anni ’40, in America. Con il rientro in Francia e la scelta definitiva di stabilirsi in Costa Azzurra Chagall ritroverà il suo linguaggio poetico più disteso, rasserenato dai colori e dall’atmosfera del Midi.
 
 
MARC CHAGALL, IL SOGNATORE CON I PIEDI NELLA REALTÀ
(Tratto da: "Touring. Il Nostro modo di viaggiare", settembre 2014)
 
La forza più grande di Marc Chagall (1887-1985), artista errante nato russo e morto francese, sicuramente fu quella dell’immaginazione, che da bambino gli permise di sopportare la realtà chiusa e segregante della nativa Vitebsk, in Bielorussia. E che oggi consente a quanti guardino i suoi quadri di evadere in una rasserenante dimensione all’apparenza onirica, in realtà profondamente radicata nella realtà.
Non solo la realtà storica dell’autore, e della sua cultura ebraica, ma quella archetipica di ognuno di noi. «Il mio lavoro», affermò una volta l’artista «non è il sogno di una persona, ma di tutta l’umanità». Al sognatore Chagall Milano dedica una mostra corposa, a un anno dal trentesimo anniversario della scomparsa. E lo fa radunando un impressionante numero di opere, ben 220, attraverso le quali è possibile ripercorrere le tappe della vita dell’artista e i diversi linguaggi in cui si è espresso. A partire dal 1908, anno in cui incomincia a studiare pittura con Léon Bakst (due anni dopo si sarebbe trasferito a Parigi), e fino alla morte, Chagall ha continuato a sperimentare. 
Pittura – anche a fresco –, ceramica, arazzo, vetro piombato, incisione. Perfino scenografia e costumi per il balletto, come nello storico Uccello di fuoco del suo connazionale e quasi coetaneo Igor Stravinskij.
Conservando sempre quell’approccio poetico e fiducioso verso il mondo, che ha trasfigurato nelle sue opere in un eden sognante in cui uomini, fiori e animali vivono in armonia.
(Elena Del Savio)
 
 
BIGLIETTO RIDOTTO SOCI TOURING CLUB (€10 anzichè €12) E GRUPPI TOURING CLUB DA 15 A 25 PERSONE (€6 a persona)

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club