Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Milano Arte Musica, VIII edizione

Milano Arte Musica, VIII edizione

Dopo il successo straordinario delle prime sette edizioni, l’Associazione Culturale La Cappella Musicale e il Comune di Milano (Assessorato alla Cultura e Assessorato al Commercio, Attività produttive, Turismo, Marketing territoriale, Servizi Civici) presentano l’ottava edizione del ciclo Milano Arte Musica, l’importante iniziativa di musica antica che offre all’estate milanese il maggiore ciclo italiano di questo genere, con ben 17 date, 23 programmi musicali e 30 spettacoli, che si svolgeranno in 10 diverse sedi.

L’apertura della rassegna è costituita da un appuntamento nella splendida Basilica di Santa Maria della Passione (via Conservatorio 16), martedì 15 luglio (ore 20.30), affidato ad artisti più volte nostri graditi ospiti, la prestigiosa Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone con il soprano inglese Carolyn Sampson. Alle “Salve Regina” vocali di Vivaldi, Hasse e Pergolesi saranno affiancati concerti grossi di Händel, Geminiani, Gregori e il mottetto “Vos aurae per montes” di Vivaldi.

Per il secondo appuntamento, martedì 22 luglio alle ore 20.30, il festival si sposta in una sede nuova, la magnifica Basilica di Santa Maria delle Grazie (piazza S. Maria delle Grazie). L’ensemble vocale inglese Stile Antico propone O Radiant Dawn, un raffinato che accosta brani destinati alla liturgia cattolica da due ferventi fedeli inglesi a distanza di più di quattrocento anni, William Byrd e il contemporaneo James MacMillan.

Dopo l’entusiasmante successo della giornata organistica proposta nella scorsa edizione nelle sei chiese del circuito Cantantibus Organis, domenica 27 luglio alle ore 9, alle 11 (S. Messa), alle 15 e alle 18 presso la Basilica di Santa Maria della Passione (via Conservatorio 16) la proposta sarà di un’intera giornata dedicata ai gioielli del canto gregoriano e ambrosiano, in rapporto ai pilastri della fede e della liturgia cattolica, attraverso 3 momenti concertistici e uno liturgico – tutti ad ingresso libero – affidati ai Cantori Gregoriani diretti da Fulvio Rampi. Si inizia alle ore 9 con “Mater Domini: La Figura di Maria nel Canto Gregoriano”, proseguendo alle 11 con la Messa in rito e canto ambrosiano, alle 15.00 con “Et incarnatus est" con Agostino e il canto gregoriano nel mistero di Cristo, per terminare alle 18 con “Credo: il canto gregoriano testimone della Fede”.

Ancora presso la Basilica di Santa Maria della Passione (via Conservatorio 16) si terrà la quarta serata, martedì 29 luglio alle ore 20.30. Gli organisti bolognesi Luigi Ferdinando Tagliavini e Liuwe Tamminga eseguiranno brani di Giovanni Gabrieli, Marc’Antonio Cavazzoni, Jan Pieterszoon Sweelinck, José Barrera, Bernardo Pasquini, Francisco Olivares agli organi gemelli (Mascioni 1985 e 2001) della Basilica di Santa Maria della Passione (via Conservatorio 16).

Con il doppio concerto di giovedì 31 luglio alle ore 18.30 e alle ore 20.30. ha inizio una “mini-serie” dedicata alla famiglia Bach, in occasione del tricentenario della nascita di Carl Philipp Emanuel Bach. Nella tranquilla chiesa di San Bernardino alle Monache (via Lanzone 13) Vittorio Ghielmi (viola da gamba) e Lorenzo Ghielmi (fortepiano, uno splendido strumento, copia da un originale di Gottfried Silbermann del 1749) propongono le opere composte da Johann Sebastian Bach e Carl Philipp Emanuel Bach per questi due strumenti, in due distinti concerti: alle 18.30 il primo programma, alle 20.30 il secondo programma.

Per la prima data di agosto, lunedì 4 agosto alle ore 20.30, si torna in Santa Maria della Passione (via Conservatorio 16) per un repertorio che trova in questa sede la propria scenografia ideale, quello che sarà eseguito “a due chori” dall’ensemble Pian&Forte (5 trombe e timpani) guidato dalla splendida tromba di Gabriele Cassone e con Antonio Frigé all’organo, con brani di Marc Antoine Charpentier, Cesare Bendinelli, Girolamo Fantini, Girolamo Frescobaldi, Andrea Gabrieli, Andrea Falconieri, Heinrich Ignaz Franz von Biber, Hans Leo Hassler, François-André Danican Philidor, Michel Richard Delalande.

Di nuovo in San Bernardino alle Monache (via Lanzone 13), mercoledì 6 agosto alle ore 18.30 e alle ore 20.30 l’ensemble Estro Cromatico guidato dal flautista Marco Scorticati e María Hinojosa Montenegro (soprano) offriranno un panorama sulla cantata solistica del barocco tedesco (Telemann, Haendel). Il concerto è offerto in due turni, alle 18.30 e alle 20.30.

La famiglia Bach torna protagonista venerdì 8 agosto alle ore 18.30 e alle ore 20.30 nell’atmosfera raccolta della chiesa di San Sepolcro (piazza San Sepolcro) presso la Biblioteca-Pinacoteca Ambrosiana, con il violino di Chiara Banchini e il clavicembalo di Mario Martinoli. In programma (due turni: alle 18.30 e alle 20.30) sonate di Johann Sebastian Bach e dei figli Wilhelm Friedemann e Carl Philipp Emanuel Bach.

Al centro della giornata di domenica 10 agosto dalle ore 10.30 alle ore 16.30 sarà il meraviglioso complesso di San Maurizio al Monastero Maggiore (corso Magenta 13/15). In 6 turni, alle ore 10.30, 11.30, 12.30, 13.30, 14.30 e 15.30, il pubblico sarà accompagnato in un’avventura tra arte e musica. Una visita guidata alla chiesa e al coro sarà affiancata dall’esecuzione di brani strumentali di autori del Cinque-Seicento (Uccellini, Pegolotti, Albertini, Frescobaldi, Valente, Merula, Telemann), a cura degli Allievi dell’Istituto di Musica Antica di Milano Civica Scuola di Musica - Fondazione Milano®. L’ingresso a questo appuntamento è gratuito, ma su prenotazione obbligatoria entro venerdì 8 agosto ore 12 al n. 02.76317176.

Ci spostiamo in San Vincenzo in Prato (piazzetta Beria di Argentine, angolo via S. Calocero) per accogliere martedì 12 agosto alle ore 20.30 il gradito ritorno del prestigioso ensemble Il Giardino Armonico diretto da Giovanni Antonini, che proporrà un programma sul confronto sulla musica strumentale del grande barocco italiano e di quello tedesco, con brani di Antonio Vivaldi, Heinrich Ignaz Franz von Biber, Georg Friedrich Haendel e Georg Philipp Telemann.

Nella raccolta Sala Capitolare del Bergognone della Basilica di Santa Maria della Passione (via Conservatorio 16), mercoledì 13 agosto (ore 16.30, ore 18.30 e ore 20.30) Robert Barto dedica un raffinato programma al repertorio liutistico della scuola tedesca, mai proposto finora nel nostro festival, con una grande sonata di Sylvius Leopold Weiss, principe di questa scuola e uno dei maggiori liutisti di ogni tempo, accostati a lavori di Esaias Reusner e di Bernhard Joachim Hagen, aurtori appartenenti alla generazione a lui  rispettivamente precedente e successiva. Il concerto è proposto in tre turni (ore 16.30, ore 18.30 e ore 20.30) per la limitata capienza della sala.

All’unico appuntamento milanese dell’ultimo anno di attività, gli artisti di The Hilliard Ensemble propongono sabato 16 agosto alle ore 20.30 nella maestosa Basilica di Santa Maria della Passione (via Conservatorio 16), al culmine del Ferragosto milanese, un ardito programma che spazia dagli albori della polifonia occidentale (Pérotin), a quelli della musica inglese (Sheryngham, Plummer), attraverso le elaborazioni di Komitas dei canti della tradizione liturgica armena, fino ai brani contemporanei di Vache Sharafyan e Arvo Pärt. Un’occasione da non perdere.

All’ambito cameristico, invece, appartiene la serata di lunedì 18 agosto alle ore 20.30 in Santa Maria Annunciata in Chiesa Rossa (via Montegani angolo via Neera) con l’Accademia Hermans (guidata da Fabio Ciofini), che, attraverso brani di autori del barocco tedesco (Johann Philipp Krieger, Phillipp Heinrich Erlebach, Georg Muffat, Dietrich Buxtehude, Johann Sebastian Bach), propone una panoramica sull’influenza degli stili italiani e francesi nella musica pre-bachiana.

Gemme sconosciute del repertorio vocale e tastieristico italiano sono quelle proposte mercoledì 20 agosto alle ore 20.30 nella chiesa di San Pietro in Gessate (piazza San Pietro in Gessate)nel programma dedicato dall’ensemble Il Pegaso (guidato da Maurizio Croci), a mottetti di Claudio Monteverdi recentemente riscoperti e affiancati a pagine tastieristiche di Girolamo Frescobaldi pure da poco ritrovate.

Con la serata di lunedì 25 agosto (ore 20.30) il festival fa tappa in San Simpliciano (piazza San Simpliciano): l’insigne organista Michel Bouvard propone un programma interamente dedicato ai corali dell’Orgelbüchlein di Bach, sfruttando al meglio le risorse dello splendido organo Ahrend della Basilica, uno strumento perfetto per questo repertorio.

La rassegna si conclude con un doppio debutto.

Mercoledì 27 agosto alle 18.30 e alle 20.30 nella chiesa di San Bernardino alle Monache (via Lanzone 13) è per la prima volta ospite di Milano Arte Musica il clavicembalista francese Christophe Rousset, che propone (in due turni, alle 18.30 e alle 20.30) un recital interamente dedicato alla figura di Jean-Philippe Rameau nel 250° anniversario della morte.

A chiudere il festival, infine, nella Basilica di Santa Maria della Passione (via Conservatorio 16) giovedì 28 agosto (ore 20.30), Christophe Rousset passa alla guida del suo ensemble, Les Talens Lyriques, con un meravigliso concerto con Delphine Galou (contralto) che ha per tema la storia biblica narrata nel Libro di Giuditta, terreno fertile – sotto i titoli di Juditha triumphans e La Betulia liberata – per numerosi compositori del periodo barocco e classico, da Cafaro a Jommelli, da Vivaldi a Cimarosa, da Anfossi a Mozart.
 
Ai soci Touring Club viene dato gratuitamente il libretto di sala della rassegna (140 pagine circa, con programmi musicali, note musicologiche, testi delle parti cantate, biografie degli artisti, introduzioni storico-artistiche alle sedi ospitanti)
 
IN ALLEGATO IL PROGRAMMA

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club