Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • MAN - Museo Archeologico Nazionale di Napoli:mosaici e gabinetto

MAN - Museo Archeologico Nazionale di Napoli:mosaici e gabinetto

 La visita al Museo Archeologico di Napoli si concentrerà sulla sezione in cui sono esposti mosaici datati dal II secolo a.C. al I sec. d.C. provenienti da vari siti della Campania, oltre che dalle antiche ville di Pompei ed Ercolano. L’opera musiva più celebre raffigura la Battaglia di Isso che, tratta da un dipinto ellenistico, raffigura Alessandro Magno che attacca il carro dell’imperatore persiano Dario III.
Il corredo di immagini comprende inoltre ritratti, scene mitologiche e mature morte. Proseguendo nel percorso si accederà ad un ambiente davvero ‘singolare’: il “Gabinetto Segreto”. L’istituzione all’interno dell’allora Real Museo Borbonico di un Gabinetto Segreto a cui “avevano accesso persone di matura età e di conosciuta morale” risale agli anni successivi alla Restaurazione. Ai reperti archeologici ritenuti ‘osceni’ si aggiunsero con il tempo anche i dipinti con Veneri e raffigurazioni di nudi, ne è un esempio la Danae di Tiziano (oggi al Museo di Capodimonte), che venne trasferita in queste sale per volere di Ferdinando I di Borbone. Dopo la sua definitiva eliminazione, nel 1967, la sezione è stata riallestita nel 2000 con sculture, oggetti e affreschi, tra cui alcuni provenienti dai lupanari pompeiani, altri da importanti raccolte, come il Sarcofago in marmo con scena dionisiaca dalla collezione Farnese e lo Specchio di bronzo con scene erotiche dalla collezione Borgia. Uno dei pezzi più importanti, la scultura con Pan e Capra, è stato invece rinvenuto nella Villa dei papiri di Ercolano.

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club