Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Loredana Galante. Con l’aiuto di ragni tessitori

Loredana Galante. Con l’aiuto di ragni tessitori

Compie dieci anni, nel 2014, la nuova Galleria d’Arte Moderna di Genova e celebra la ricorrenza con la mostra di Loredana Galante “Con l’aiuto dei ragni tessitori”, a cura di Fortunato D’Amico e Maria Flora Giubilei. Pittura, installazioni e performance per indagare il rapporto con la natura, proiettato in un mondo magico. È il quinto appuntamento di “NaturaConTemporanea”, una rassegna che ha rimescolato le raccolte permanenti della Galleria d’Arte Moderna e delle Raccolte Frugone e restituito al pubblico, di volta in volta, nuovi allestimenti e la possibilità di dialoghi contaminati.

LOREDANA GALANTE, genovese, da alcuni anni trasferita a Milano, ritorna a Nervi dopo una lontana precedente esperienza e vi torna madrina di questo decennale. Dieci anni ricchi di attività, di conferenze, di concerti, di teatro e di danza, di visite guidate, di progetti di mostre realizzate in collaborazione con musei italiani e stranieri, di prestiti di opere concessi e ottenuti, di laboratori didattici, di corsi e di pubblicazioni per bambini e adulti, incluso un premio Andersen. Oggi quest’artista così poliedrica, immaginosa e pronta all’ introspezione energetica torna a Nervi, in Galleria d’Arte Moderna, per scompigliare le carte di una tradizione culturale data, di un’arte alta, di una natura in apparenza già nota con una carrellata di oggetti “superstiti” di eventi, installazioni e performance che hanno costellato il suo percorso creativo. E non mancano i dipinti, pannelli decorativi d’ingarbugliate fantasie grondanti d’energia colorata e felici abstract di viaggi lontanissimi e vicinissimi, tra sogni d’Oriente, oggetti di casa e del suo repertorio, volatili e racemi, arabeggianti segni calligrafici di una lingua di fiaba inesistente e, in filigrana, la rigorosa scansione spaziale-cromatica che imbriglia, ordina e contiene il magma cromatico rilasciato sulle tele dai pennelli di Loredana.
Ancora una volta natura vegetale e natura femminile si intrecciano indissolubilmente: Loredana Galante, vulcanica salonnière della contemporaneità con le sue suggestive e autoreferenziali performance, propone letture gioiose e alternative di una quotidianità al femminile per nulla scontata, restituita a tratti con passione, a tratti con piglio graffiante e caustico che l’aura di gioco infantile con cui sciorina il racconto non riesce a mascherare del tutto. Lei, artista “galante”, di nome e di fatto, in virtù di un colto garbo con cui cela robuste infusioni di sorridente ironia e di smaliziato sguardo sui luoghi comuni e rassicuranti della vita, dalla nascita alla morte.
Certamente Loredana Galante non appartiene a quella sfera di persone che s’intimidiscono davanti all’ortodossia dell’arte accademica, lei non è conforme nemmeno ai comportamenti di molti artisti italiani, sovente calati in un ruolo ascetico, seriamente paranormale, perché la sua attività artistica è strettamente congiunta al suo modo di essere donna e di sentire la vita reale, con un pizzico di genuina follia. I travestimenti, le mascherate, il ritmo andante allegro della sua camminata, gli indumenti e gli ornamenti utilizzati negli happening che organizza abitudinariamente, sono i materiali della sua arte.
Non ci sono altre condizioni per descrivere il fenomeno Loredana Galante: briosa, attiva, intraprendente, timida, sfacciata, riflessiva, amletica, decisa, insicura, coinvolgente fino al punto da ritenere che gli stati d’animo, provocati dal racconto delle sue storie, siano in parte anche i tuoi. (http://www.museidigenova.it)
 
 

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club