Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • L'oggetto del desiderio. Europa torna a Sant'Agata

L'oggetto del desiderio. Europa torna a Sant'Agata

“L’oggetto del desiderio. Europa torna a Sant’Agata”. L’iniziativa, realizzata grazie alla collaborazione tra la Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta e il Comune di Sant’Agata de’ Goti, segna finalmente il ritorno del celebre cratere di Assteas, raffigurante il rapimento di Europa, nella sua terra di origine. L’esposizione è allestita all’interno della chiesa di San Francesco, di proprietà del Comune di Sant’Agata de’ Goti, già sede dal 2012 della mostra “Sulle tracce di Saticula” che raccontava l’importanza archeologica dell’insediamento e i danni perpetrati dai clandestini alle ricche necropoli saticulane. La mostra prevede un percorso espositivo molto suggestivo in cui, mediante videoproiezioni, sarà narrata a trecentosessanta gradi la storia del vaso dal momento della sua creazione nel IV secolo a.C. fino al suo ritorno a Sant’Agata de’ Goti. All’ingresso della chiesa una prima installazione video restituisce l’inquadramento storico-archeologico dell’antica Saticula, uno dei centri principali del Sannio caudino occupato fin dall’età preistorica. Di seguito, su un grande schermo centrale, si narrano le vicissitudini del cratere dal momento del suo trafugamento da una tomba di Saticula fino al rientro nella terra d’origine, facendo riferimento anche ai numerosi vasi depredati dalle necropoli del centro caudino e oggi esposti nei più importanti musei del mondo. Al termine del percorso, al centro del coro ligneo dietro l’altare, è esposto “l’oggetto del desiderio”, il cratere raffigurante il rapimento di Europa da parte di Zeus nelle sembianze di un toro bianco. Il pubblico potrà così conoscere la figura del ceramografo pestano Assteas, artigiano attivo a Paestum tra il 375 e il 350 a.C., che, unico in Italia meridionale, era solito firmare le sue opere migliori, come nel caso del nostro vaso. Infine, attraverso il minimapping – una videoproiezione effettuata direttamente sul cratere – le figure dipinte sul vaso si animeranno per ridare nuova vita al mito della passione tra Europa e Zeus. La mostra resterà aperta fino al 17 maggio 2015, data in cui il cratere lascerà Sant’Agata de’ Goti per essere esposto a Palazzo Reale di Milano, nell’ambito degli eventi previsti per Expo 2015.

Altre informazioni utili: 

Comune di Sant’Agata de’ Goti Piazza Municipio 1 82019 Sant’Agata de’Goti (BN) www.santagatadegoti.net