Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Il Palio della Vittoria - Anghiari

Il Palio della Vittoria - Anghiari

Il Palio della Vittoria
Il 29 Giugno 1440 la piana che si apre sotto le mura di Anghiari fu teatro del duello tra l’esercito fiorentino, alleato con i pontifici e la lega veneziana, contro i milanesi capeggiati da Niccolò Piccinino. La Battaglia di Anghiari fu vinta da Firenze e fu la stessa che nel 1503 Leonardo da Vinci dipinse nella Sala del Maggior Consiglio (oggi Salone dei Cinquecento) in Palazzo Vecchio a Firenze.
Ogni 29 Giugno, giorno dell’anniversario della battaglia, Anghiari celebra l’evento con una festa solenne: il Palio della Vittoria.
 
Storia del palio
A ricordo della vittoria riportata sui milanesi, come scrive lo storico locale Lorenzo Taglieschi (Anghiari 1598 - 1654) negli Annali della Terra di Anghiari, ogni anno, nel giorno dedicato ai Santi Pietro e Paolo, ad Anghiari si correva un palio, detto anche ‘palio dell’Hebreo’, e si svolgeva una fiera pubblica di varie mercanzie.
I primi palii furono corsi da uomini, a piedi. La gara iniziava dalla pianura in cui si era svolta la battaglia, per la precisione da un piccolo tabernacolo eretto a ricordo dello scontro, e terminava presso la Fonte del Mercatale dove era esposto il palio che consisteva in 12 braccia di teletta.
Nel 1484 il palio fu commutato in una pezza di rosso scarlatto e la gara era corsa da cavalli maschi. Per celebrare la Battaglia di Anghiari si correva alla stessa ora un Palio anche a Firenze, da Corso de’ Tintori all’Arco di Sanpierino. A Pisa, per lo stesso motivo, si gareggiò un eccezionale Gioco del Ponte.
Fu nel lontano 1827 che ad Anghiari si corse l’ultima edizione del Palio della Vittoria. A causa dell’ennesima rissa, che costò la vita ad  un fantino, il Palio venne definitivamente soppresso.
Dopo sporadiche e incerte riprese della gara (fra la fine dell’800 e la metà del ‘900), dal 2003 il Palio della Vittoria è tornato con tutti i suoi profondi significati, coinvolgendo gli abitanti della fiera cittadina toscana.
 
Il Palio oggi
Alcune settimane prima dell’evento La Magistratura del Palio invita i Comuni limitrofi (sia umbri che toscani) a partecipare alla competizione. Se il numero dei partecipanti è elevato, qualche giorno prima del 29 di Giugno, viene fatta la provaccia al fine di scegliere i corridori che gareggeranno per il Palio. La manifestazione inizia nel tardo pomeriggio quando in Piazza Baldaccio si radunano corridori, corpi armati, musici, figuranti e sbandieratori di Sansepolcro e di Arezzo. Nel frattempo dalla Ruga di San Martino (attuale Corso Matteotti) arriva in Piazza il Corteo storico della repubblica Fiorentina. Segue lo schieramento dei gonfaloni, la consegna delle divise ai corridori, l'annuncio del palio e della sfida.
Al tramonto di ogni 29 giugno, scoccherà sempre l’ora del Palio della Vittoria. Il Corteo, aperto dal Sindaco e dal Gonfalone di Anghiari, si dirigerà alla Cappella della Vittoria dove, all’imbrunire, lo sparo della bombarda darà il via alla epica sfida fra i corridori, rappresentanti non se stessi ma i loro Comuni. 1400 metri in salita, a perdifiato fino a Piazza Baldaccio. In premio ci sarà il Palio, che ornerà il Comune vincitore.
L’organizzazione e la direzione dell’evento spetta alla Magistratura del Palio ed in questo senso va registrata la costituzione di un’associazione ad hoc costituita dai cittadini di Anghiari, chiamata Associazione Culturale Palio della Vittoria. Il Palio viene realizzato dagli alunni dell’Istituto Statale d’Arte di Anghiari.
 
Il programma dell’edizione 2014
Il programma del Palio della Vittoria 2014 si aprirà venerdì 27 giugno e interesserà l’intero weekend con numerose novità. Ecco nel dettaglio le manifestazioni che si svolgeranno ad Anghiari fino al momento culmine del 29 giugno. 
Venerdì 27 giugno 
ore 19.30: Partenza del corteo e conseguente Benedizione del Palio
ore 20.30: consegna del panno alla fanciulla 
ore 21.00: convivio medievale con armati e musici in Via Mazzini. Cena su prenotazione  
Sabato 28 giugno
Nell’intera giornata animazione nel centro storico, mercatino medievale
Nel pomeriggio duelli di armati e arcieri sempre nelle vie del centro storico.
ore 21.00: Chiesa del Carmine: Alla Battaglia! musiche di battaglie al tempo della  battaglia. Direttore Artistico Maestro Giovanni Conti 
Domenica 29 Giugno 
ore 9.00 camminata nei luoghi della battaglia con animazione
A seguire pranzo presso Pizzeria La Pineta
Nel primo pomeriggio animazione nel centro storico fino al momento del Palio
Ore 18.00: Inizio della Rievocazione Storica con la sfilata del Palio, delle autorità rappresentanti dei vari comuni e dei cortei storici
All’imbrunire (Ore 20.00 circa): PALIO DELLA VITTORIA. Corsa in salita su distanza di 1440 con partenza dalla Cappella della Vittoria (situata nel piano dove fu combattuta la Battaglia di Anghiari) ed arrivo lungo la Ruga di San Martino (di fronte a Piazza Baldaccio)
A seguire la consegna del Palio al Comune vincitore, l’estrazione della lotteria e la cena che si svolgerà sulle Antiche Mura.