Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Civitella Alfedena Folk Festival

Civitella Alfedena Folk Festival

Civitella Alfedena Folk Festival Gemellato con Monsano Folk Festival (AN) e Suoni dalla Murgia Folk Festival (BA) XIVa Edizione – 24-30 Agosto 2014 Direzione Artistica: Marco Delfino
Media partners:
Quattordicesima edizione per uno degli appuntamenti nazionali di maggior rilievo nel settore della musica popolare e word music il “Civitella Alfedena Folk Festival”.
Nonostante le difficoltà che affliggono tutti i festival e le rassegne culturali nazionali anche quest’anno il Civitella Alfedena Folk Festival non solo “resiste” ma riesce a mantenere inalterato sia il numero di spettacoli e laboratori e sia l’alta qualità della programmazione.
Anzi con l’inserimento della novità VerdiNote, concorso riservato a gruppi italiani e stranieri nel campo della musica popolare che vedrà il vincitore esibirsi in località Camosciara all’interno del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, i giorni di programmazione aumentano da 6 a 7.
Sicuramente in controtendenza con la maggior parte delle manifestazioni che ogni anno si vedono costretti a ridurre la programmazione, il Civitella Alfedena Folk Festival è l’evidente conferma di quanto l’amministrazione comunale, nonostante le reali ed evidenti difficoltà economiche, tenga a questa manifestazione e di quanto si adoperi per sostenerla, mantenerla e soprattutto favorirne la crescita con nuove iniziative.
Rinnovato anche il partenariato con le due più importanti “riviste” di musica folk sul web e cioè Blogfoolk e Lineatrad e il gemellaggio con due rassegne storiche nazionali che sono il Monsano Folk Festival (Marche) e Suoni della Murgia (Puglia).
La programmazione musicale del festival anche quest’anno mantiene la linea che lo ha da sempre caratterizzato. Serate musicalmente molto differenti tra loro offriranno allo spettatore la possibilità, per quanto possibile, di spaziare tra la tradizione e l’innovazione, con le sue molteplici influenze di stili e generi, ascoltare gruppi provenienti da diverse aree geografiche italiane ed estere, iscriversi ai laboratori sugli strumenti, partecipare attivamente alla Notte dei tamburi ed assistere, in una magica atmosfera, alla serata conclusiva dedicata alle serenate e ai canti d’amore nella suggestiva Piazza del Mercato.
A tutti buon festival
Il direttore artistico Marco Delfino
Programma Spettacoli Ingresso agli spettacoli libero e gratuito Domenica 24 Agosto - Località Camosciara Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise ore 17.30 Esibizione del gruppo vincitore del concorso
Abacà (Lombardia)
Nuove sonorità per il balfolk
Questa particolare formazione (fisarmonica, fagotto, clarinetto e chitarra) propone brani completamente originali e arrangiamenti ricercati di musiche popolari, che valorizzano le possibilità tecniche e le diversità timbriche degli strumenti, rispettando però la tradizione ritmica e stilistica delle danze proposte. Il repertorio comprende soprattutto danze francesi, passando dalle danze di coppia come mazurke e valzer a brani della tradizione bretone. Nato nella primavera del 2012, il gruppo ha già in attivo diversi concerti e partecipazioni a festival nazionali ed internazionali.
Chiara Dissegna: fagotto,flauti,voce
Simona Cusmano: clarinetto, percussioni
Giovanni Trivella: chitarra, banjo tenore, voce
Diego Zanoli: fisarmonica
Lunedì 25 Agosto Centro Culturale Ore 21.30 Terre del sud (Abruzzo) La festa Terre del sud è un progetto musicale che si fonda sulla tradizione, per trarne nuova linfa vitale.
Il concerto è un viaggio per i ritmi, i canti e la cultura popolare abruzzese e del centro sud Italia: saltarelle, pizziche, tammurriate, tarantelle, con un attenta rilettura dei brani tradizionali, reinterpretazioni e composizioni inedite a significare che la tradizione è viva. Centinaia di concerti in piazze, teatri, festival, con tutta l’energia della musica popolare che dal palco dilaga e trasmette un’irrefrenabile voglia di ballare e di cantare.
Martina Spadano voce tamburi a cornice danza
Mimmo Spadano voce chitarra chitarra battente
Antonella Gentile voce castagnette danza
Emanuele Spadano voce fisarmonica organetto tamburi a cornice chitarra
Marco Pellicciotta violino chitarra basso acustico
Antonio Franciosa tamburi a cornice percussioni voce
Martedì 26 Agosto - Centro Culturale Ore 21.30 Filippo Gambetta (Liguria)
Filippo Gambetta si dedica da diversi anni alla composizione di musica originale per il suo strumento, l'organetto diatonico. Parallelamente si interessa a repertori specifici come la musica tradizionale irlandese e nord italiana, oltre a collaborare con artisti e gruppi le cui visioni musicali vanno oltre l'universo propriamente folk. Il progetto principale con cui Filippo Gambetta propone la propria musica dal vivo è il trio che porta il suo nome e che comprende Claudio de Angeli alla chitarra acustica e Riccardo Barbera al contrabbasso. Con questa formazione ha realizzato due cd per l'etichetta Felmay: Pria Goaea (2002) e Andirivieni (2009) e si è esibito in numerose rassegne internazionali; questa formazione si avvale della collaborazione di Michel Balatti al flauto traverso di legno in alcune performance. L'album di esordio, Stria, è stato realizzato con l'omonima formazione nel 2000. Nello stesso anno Filippo Gambetta vince il primo premio del Greenage Festival (Collegno) ed il secondo premio del Kaustinen Folk Music Festival Competition (Finlandia).
Filippo Gambetta organetto
Martedì 26 Agosto - Centro Culturale Ore 22.00 Molifonia (Molise)
Piero Ricci è compositore e musicista polivalente ed è considerato il più importante zampognista in Italia e nel mondo. Oltre dieci anni di studio e di lavoro sono stati necessari per modificare il tradizionale strumento pastorale e donargli la possibilità di essere inserito in un contesto orchestrale. Ha collaborato con i Solisti Aquilani, con l'Orchestra del Conservatorio della Regione Molise e ha suonato al Teatro alla Scala sotto la direzione di Riccardo Muti. Tiziano Palladino è il piu' giovane diplomato in Mandolino in Italia. Ha collaborato con Andrea Bocelli e con la NapoliMandolinOrchestra. E' componente dell' Orchestra dell'Accademia Mandolinistica Napoletana e primo mandolino dell'Orchestra a Plettro del Conservatorio di Bari. Luigi Vitullo è diplomato in pianoforte e ha frequentato il corso di perfezionamento internazionale presso l'Accademia Nazionale di S. Cecilia. Ha collaborato da solista con diverse orchestre internazionali: L'Orchestra del Teatro di Presov e Kosice (Rep. Slovacca), L'Orchestra del Teatro di Tirana (Albania), L'Orchestra della Radiotelevisione Moldav (Rep. Moldova), L'Orchestra sinfonica di Odessa, L'Orchestra sinfonica di Plovdiv (Bulgaria) L'Orchestra sinfonica di Ijevsk (Russia). Alle percussioni Antonello Iannotta giovane talento molisano, esperto di musica popolare ricercatore e innovatore, anche attraverso l’utilizzo di strumenti di propria costruzione, di nuove sonorità.
Piero Ricci zampogna
Tiziano Palladini mandolini
Luigi Vitullo pianoforte
Antonello Iannotta percussioni
Mercoledì 27 Agosto - Centro Culturale Ore 21.30
Patrios (Molise)
PATRIOS un progetto che non si limita a suonare con passione ed originalità la musica tradizionale contaminandola con il raggae, il blues, il samba....PATRIOS è la fusione di un trio di musica tradizionale molisana con uno storico trio di musica blues ed è un progetto che abbraccia l'arte del Molise anche per questo la copertina del nostro album è stata disegnata per noi dall'ARTISTA Gianluca Di Lonardo e le foto scattate dal bravissimo Lorenzo Albanese, due Molisani come noi e che porteremo ovunque perchè si parli di quanta arte vive nella nostra terra... raccontiamo dei PATRIOS..... Due ragazzi che insieme arrivano a poco più di 50 anni e suonano antichi strumenti della tradizione... Un giorno questi ragazzi incontrano un gruppo altrettanto giovane che suona prevalentemente blues... Mettili tutti insieme, con la voglia di sperimentare e contaminare, ed ecco che nascono i PATRIOS (dal greco "tradizionale") La formazione prende vita a Maggio del 2013 sotto il segno del toro e conquista in breve tempo lo scenario di prestigiosi festival internazionali di musica etnica. Il gruppo è composto da sei elementi che “contaminano” la musica popolare col reggae, il samba e il blues, tracciando vie musicali inedite e aperte a tutto, eccetto l’elettronica, esclusa da tutti gli strumenti utilizzati che sono rigorosamente acustici. Zampogna, Organetto, Tamburello, Chitarra, Basso, Ciaramella, un mix originale di Percussioni ed una voce che sale e scende la scala musicale con l’agilità di un funambolo, si fondono in sonorità ora aggressive, ora sinuose, riproponendo oltre a brani inediti anche i classici della musica popolare del centro sud: dal Molise al Salento, dalla Campania alla Calabria, in una combinazione di suoni moderni e dialetti arcaici. Il gruppo di “contaminatori”, a meno di un anno dalla nascita, propone questo primo album con il quale crea un nuovo stile all’innovazione nella tradizione.
Christian Di Fiore zampogna e organetto
Alessandro Coletta chitarre
Livio Di Fiore ciaramella
Fabrizio Musto basso
Rachele Farese voce
Antonello Iannotta tamburi a cornice, flauti e voce.
Giovedì 28 Agosto - Centro Culturale Ore 21.30 Orchestra Bailam e Compagnia di canto Trallalero (Liguria) Galata
Galata è un progetto musicale che abbraccia il Medioriente e la tradizione del Trallalero, un ponte ideale che unisce la città di oggi con il vecchio quartiere genovese di Costantinopoli, sul Corno d’oro, quando la Superba” intrecciava rapporti e scambi in tutto il Mediterraneo ed il Mar Nero. E’ un viaggio immaginario nelle taverne, le fumerie, i Cafè aman, luoghi d’incontro tra i Makam (scale modali mediorientali) e le melodie del magico cerchio del Trallalero.
I ritmi e la musica risentono del profumo denso del Rebetiko e i testi in lingua genovese danno voce ad una Genova lontano da Genova, ad una lontananza dalle proprie radici.
L’Orchestra Bailam influenzata da quella multiculturalità turca, greca, persiana, armena, curda, araba, balcanica e rum, (europea) che caratterizza la cultura ottomana, “traduce in musica” il carattere maschile di Genova tramite la Compagnia di Canto Trallalero che si apre alla contaminazione mediorientale, voce e canto di questo progetto.
L’ORCHESTRA BAILAM seguendo la propria visione mediorientale è arrivata alle radici della tradizione popolare genovese insieme alla COMPAGNIA DI CANTO TRALLALERO, inventando un repertorio musicale che crea un nuovo territorio di poesia.
Orchestra Bailam
Franco Minelli Chitarre, Bouzouky, Baglamas, Oud, Voce
Edmondo Romano Sax soprano, Clarinetto, Flauti, Cornamusa
Luciano Ventriglia Batteria, Derbouka, Percussioni, Voce
Luca Montagliani Fisarmonica
Roberto Piga Violino
Tommaso Rolando Contrabbasso, Basso
Compagnia di Canto Trallalero
Matteo Merli Tenor & Vocal Guitar (o primmo e a chitara)
Paolo Sobrero Contralto (o contræto)
Gael Princivalle Baritone, Bass (o controbasso, basso)
Venerdì 29 Agosto - Ore 21.30 La notte dei tamburi Il tradizionale corteo musicale guidato dal trampoliere attraversa le vie del paese Un corteo sonoro, guidato dallo storico trampoliere Pompeo, formato da musicisti, musicanti, ballerini, allievi dei seminari, e pubblico a seguito, partendo dal Museo del lupo attraversa le vie del centro storico, sosta in alcune piazzette caratteristiche ed assiste a brevi spettacoli di ballerini, musicisti, teatranti ed artisti di strada. Al termine del percorso il corteo musicale raggiunge piazza S. Lucia dove, sul ritmo del tamburo, è possibile suonare e ballare fino a notte tarda.
Sabato 30 Agosto - Piazza del Mercato Ore 21.30 Te l’ho portata la serenata Serenate e canti d’amore nella piazza del mercato con la partecipazione di Francesca Trenta
La serata di riproposta delle serenate da anni anima piazza del Mercato creando uno scambio reciproco di esperienze ed emozioni. Una serata in cui abitanti e pubblico si uniscono in un unico coro creando un’alchimia unica tra suoni colore e calore.
E’ il risultato di una lunga collaborazione tra gli anziani del paese e il gruppo Mantice di Latina nata con l’obiettivo di riscoprire e riproporre, soprattutto alle nuove generazioni, sia alcuni tipici canti locali e sia melodie provenienti da aree diverse. Il tutto nel rispetto delle tradizioni del paese e con la precisa volontà che la riproposta rimanga sempre un evento genuino riducendo al minimo la sensazione di “esibizione pubblica”.
Nella prima parte della serata “Serenate e canti d’amore, di terra e di mare” vedrà l’esibizione del duetto musicale di Francesca Trenta. La serata proseguirà con altri ospiti per terminare intorno a mezzanotte con le tre “tradizionali” serenate cantate dai civitellesi e da tutto il pubblico.
Programma Laboratori Martedì 26 e Mercoledì 27 - ore 10-12 e 15-17 Tamburello tradizionale e moderno Tecniche, stili e sviluppi esecutivi a cura di Antonio Franciosa Un (per)corso progressivo e dinamico sul tamburello che propone lo studio e la pratica di svariati ritmi con l’ausilio di alcune tecniche tradizionali e contemporanee di base e avanzate. Un approccio aperto allo strumento attraverso un programma di lavoro che permette una rapida conoscenza e una certa padronanza del tamburo tale da consentire la possibilità di suonarlo subito in ensemble. Nella pratica ritmica d’insieme ciascun partecipante, in base alle proprie capacità, potrà suonare in una delle sezioni che formeranno il gruppo. Proprio per tali caratteristiche il corso è aperto a tutti i livelli di studio: principianti, intermedi, avanzati. A ciascuno di essi verrà impartito materiale didattico su misura, in modo da ampliare il bagaglio di conoscenze soggettivo. Quanto acquisito verrà poi “performato” in ensemble nella composizione che si creerà durante il laboratorio.
Antonio Franciosa percussionista prevalentemente mediterraneo, specializzato in tamburi a cornice (tamburello, tar, finger bodhran, pandeiro, riq) e strumenti tradizionali come cajon, darbuka, djembè. Nel tempo ha sviluppato un personale set batteristico di tipo etnico. Ha seguito numerosi corsi e laboratori sui ritmi tradizionali africani, arabi, spagnoli, indiani e del sud Italia con i maestri Victor Lewis, Jimmi Cobb, Karl Potter, Badù Ndjaie, Nando Citarella, Arnaldo Vacca, Mohamed Abdallah, Raffaele Inserra….
Si è esibito, oltre che in Italia, anche in alcuni festival in Germania, Austria, Norvegia, Svezia, Danimarca e Libano. Circa trecento i live eseguiti con diverse formazioni (Rocco De Rosa, Discanto, Ratablò, B.I.O., Ciarla q.tet, Terre del Sud,..) numerose le collaborazioni ed i concerti con Danilo Avolio, Luca Ciarla, Marco Salcito, Luciano Biondini, Marco Siniscalco, Admir Shkurtaj, Redi Hasa…
Ha inciso nei dischi: - Discanto- Il Centro 10 anni, Compilation - Tazebao- Abruzzo Sound vol.4 Compilation - Rosso Gitano- Rosso Gitano - Luca Ciarla Quartet con Luciano Biondini e Marco Siniscalco - Rocco De Rosa- Trammari. - B.I.O.- Tribal Concept con Stefano Taglietti e Orchestra. - Ratablò- Transubanda - Fabio Colella- Real X. Lavora come facilitatore nei laboratori ritmici rivolti a bambini e insegnanti delle scuole, delle ludoteche, dei centri diurni, delle comunità di vario tipo… Ha svolto corsi e laboratori presso: Istituto Ricerca Educativa Abruzzo, Scuola di formazione teatrale Artis ( PE), Scuola di danze etniche Yajè (AQ), Il Bagatto Teatro (TE), Scuola Musicale Diapason (Vieste), Civitella Alfedena folk festival, La Palma intensive workshop (Roma), Scuola di percussioni Baobab di Pescara, Cicolo Gianni Bosio Roma,… Martedì 26 e Mercoledì 27 - Ore 10-12 e 15-17 Organetto a cura di Filippo Gambetta
Il seminario è incentrato su musiche di composizione del musicista genovese, per organetto ad otto bassi. Melodie nuove, tra cui una scottish, una polka ed un brano ispirato alla musica brasiliana; spunti per approfondire aspetti legati all'accompagnamento, l'armonia e la musica d'insieme per organetto. Il seminario è aperto a tutti i musicisti in possesso di strumenti ad almeno due file e otto bassi in tonalità sol / do. E' gradito un livello medio di conoscenza dello strumento.
Filippo Gambetta si dedica principalmente alla proposta di musica di propria composizione, oltre che allo studio della musica tradizionale per organetto irlandese (Irish System) ed alla musica tradizionale nord Italiana ed in particolar modo ligure. Ha proposto la sua musica in Canada, Italia, Francia, Scandinavia, Spagna, Olanda, Belgio oltre ad essersi esibito con il gruppo Liguriani in importanti festival folk internazionali. Ha realizzato tre cd di musiche originali, per l'etichetta Felmay: Stria, Pria Goaea e Andirivieni.
Giovedì 28 e Venerdì 29 – Giovedì Ore 10-12,30 e 16-18,30 Venerdì 10-13 Danza - Tarantella alla zampogna Laboratorio di balli tradizionali del meridione a cura di Francesca Trenta Passando fra la Tarantella Reggina, la Pastorale del Pollino, la Tarantella Lucana e la Ballarella, il laboratorio introduce il ritmo, passi e movenze di base fra le più note danze tradizionali del meridione suonate a ballo con la zampogna. Il laboratorio è introduttivo, senza aggiunte coreografiche e teatrali, condotto secondo quanto tramandato direttamente dalla tradizione popolare. Secondo il livello e le possibilità motorie degli utenti, si alternano e si introducono i vari stili della tarantella.
Francesca Trenta artista poliedrica, con carriera nel campo della danza, del canto e del teatro musicale nelle sue varie forme(dal Musical al teatro popolare);si dedica da oltre 10 anni all'insegnamento delle danze tradizionali con passione e grande rispetto per le radici profonde da cui ha imparato quanto oggi tramanda.
Collaborazioni artistiche e docenze nel campo della danza popolare:
IALS di Roma Istituto Professionale di Danza, Musica e Teatro dal 2002 ad oggi; Tarantella Power settimana di studio sulla tradizione calabrese Caulonia (Rc);Taranta Power Scuola di Tarantella a Bologna e Napoli di Eugenio Bennato; Danza e Danze, progetto di Balletto 90 di Anita Bucchi varie città della Calabria (Rc) ;Viaggio nella danza folklorica e popolare della Regione Lazio progetto Ials di Roma-Regione Lazio referente per il censimento dei gruppi folclorici del Lazio ;Lezioni di tarantella, progetto di Eugenio Bennato, docente seminari sul ballo rituale del sud Italia, Istituti Scolastici in Campania, Università di Tor Vergata di Roma, Sala Pacis dell' Università degli Studi di Cassino; Progetto Unitè per Universitas 2000 - corso di formazione sull' Intrecultura docente seminari per formatori; Progetto Terra Nemorense del Comune di Nemi dal 2003 a oggi; Radici Sonore Progetto interetnico” di Balletto 90 ad Avellino / Salerno e Roma ; docente seminario su Le danze popolari nel progetto “L 'Abruzzo e l'Organetto” di Ambrogio Sparagna per l' Università degli Studi dell' Aquila ;I passi della tradizione organizzato dallo Ials di Roma e la Compagnia Balletto 90 Teatro Comunale di Grottaferrata; BalliRievoCanti Progetto Interetnico di Balletto 90, lezioni, Avellino /Foggia/ Napoli;Taranta Power progetto di Eugenio Bennato seminario sulle danze popolari del meridione italiano, Senerchia ( Av); Attività di teatro danza per la riabilitazione psico fisica dei disabili per l'opera Sante de Sanctis di Roma; La Notte della Taranta dir. A. Sparagna Auditorium Parco della Musica di Roma, lab. Pizzica- pizzica; La Campagna in Città Giardini di Castel Sant'Angelo di Roma lab. Saltarello Laziale; La pizzica e il saltarello Comune di Acuto ( Fr) Regione Lazio Re.Fo.La ;per la Notte Bianca di Roma evento La campagna in città lab. Il Saltarello parco della Caffarella di Roma ;Le danze della tradizione Teatro Comunale di Fiuggi /Progetto Danza in Video Ials di Roma, Regione Lazio docente laboratori sul ballo tradizionale; Santu Paulu delle Tarante dir. Art. Ambrogio Sparagna, doc. lab. sulla Pizzica Pizzica Auditorium Parco della Musica di Roma;Ottobrata Romana dir.art. A. Sparagna, docente laboratorio sul Saltarello Teatro Studio Auditorium Parco della Musica di Roma - Boville Etnica festival di musica popolare, Ernica Etnica, Summonte Festival Internazionale, Civitella Alfedena Folk Festival 2012...
Coreografie per il Cinema :“ Amore e Libertà- Masaniello” film - produzione Factory s.r.l. “Oggi Sposi” film di Luca Lucini, produzione Cattleya 2009- coreografa e referente per l' etno corografia, docente attori ( Michele Placido, Luca Argentero, Lunetta Savino, Francesco Pannofino) scena finale del film.
Fonda : MeRitmiRmeridione ritmi e riti con Gian Franco Santucci, con cui incide 3 cd “ Dalle Radici al Suono” vol. 1 e 2 “Suoni del Lazio e della Campania” e “Verdaspina” / e Associazione Culturale Il Flauto magico, con cui realizza numerosi eventi culturali sulle tradizioni popolari e sul folklore in collaborazione con enti ed associazioni del territorio fra cui progetti di danza e musica nelle scuole dell' infanzia e primarie, a cui si dedica con grande passione.
Idealizza e realizza eventi sulla danza tradizionale anche con nuove contaminazioni, per Mediascena Europa ente internazionale di promozione danza fra cui “ Italia Arte all'Aventino “ con “Terre In Danza” con stages e concerti a Roma istituto di Studi Romani .
Collabora : come danzatrice e cantante ad alcuni progetti di A. Sparagna fra cui concerto di Piazza di Spagna 2011, concerto per il Comune di Roma Cavea dell'Auditorium per i Festeggiamenti Unità d' Italia del 21 Giugno 2011, E' Festa ! concerto di apertura del 32° meeting di Rimini “Partire Partirò“ dai Monti Aurunci al mare - concerto con Orchestra Popolare Italiana Fra gli ultimi eventi il progetto “Ballo!” le danze popolari italiane – Cavea dell'Auditorium Parco della Musica di Roma . docente e coordinatrice dei seminari, referente per la coreografia etnica.
Venerdì 29 - ore 16-19 Ballo sul tamburo Lezione concerto sulla tammurriata stile Pimontese (Monti Lattari) a cura di Raffaele Inserra Catello Gargiulo Hiram Salsano e portatori della tradizione I balli sul tamburo (tammurriate) sono un genere di danze appartenenti all'ampia famiglia della tarantella meridionale. Diffusi in Campania in un ampio anello territoriale che circonda Napoli, dall'area domiziana, all'area vesuviana, all'agro nocerino-sarnese e ai Monti Lattari e alla penisola Sorrentina. Il repertorio musicale si basa principalmente su un organico di tammorra, voce e castagnette, mentre quello coreutico si caratterizza per l'ampio e dinamico uso delle braccia e delle castagnette.
Raffaele Inserra musicista tradizionale molto attento alla tutela del patrimonio umano e culturale rappresentato dagli anziani, è attualmente il miglior interprete della tradizione della tammorra in Campania. Profondo conoscitore dei diversi modi esecutivi presenti nelle zone tipiche del ballo "n'copp' 'o tammurro", da circa 20 anni suona professionalmente collaborando con vari gruppi di musica popolare. Costruttore di tamburi, castagnette e altri strumenti della tradizione.
Catello Gargiulo e Hiram Salsano posseggono un ampio repertorio canoro di canti cilentani oltre che di canto sul tamburo. Hiram inoltre accompagna la sua ricerca sul canto con quella sulla danza, in particolare dell'area cilentana e del ballo sul tamburo dei Monti Lattari. Entrambi portano avanti il loro percorso nell'attenzione e nel rispetto della voce degli anziani e delle loro modalità di vita. Giovedì 28 Venerdì 29 e Sabato 30 – Gio. ore 15-17 Ven. e Sab. ore 10-12 e 15-17 Canto a cura di Sara Modigliani Il Corso di Canto offre a tutti quelli che lo vogliono la possibilità di cantare in gruppo, senza bisogno di avere requisiti particolari (intonazione, bella voce) ma solamente il desiderio di cantare insieme e di imparare canti e storie in cui ci si riconosce e ci si ritrova.
L’obiettivo non è l’approfondimento dell’aspetto estetico-tecnico del canto, ma esclusivamente quello della condivisione del repertorio nel suo aspetto collettivo e sociale per il quale non conta la voce ma l’intenzione e la disponibilità di ogni persona. Ogni canzone viene infatti affrontata e imparata secondo la tradizione orale, contestualizzandone l’origine e la storia, studiando anche la vita e la personalità di chi l’ha trasmessa e ascoltando, ogni volta che sarà possibile, la versione originale da cui partire per impararla.
Il Corso verterà su canti popolari (di lavoro, d’amore, ballate, ottave, contrasti) e canzoni del repertorio della tradizione romana.
Sara Modigliani nel 1970 inizia la sua attività di ricerca della musica contadina e popolare italiana, ed in particolare del Lazio, collaborando con esperti etnomusicologi dell’Università di Roma, e con personalità del mondo musicale e culturale come Giovanna Marini, Diego Carpitella, Alessandro Portelli.
Grazie a questa attività acquisisce esperienza nelle tecniche di canto contadino e dei “modi” della tradizione musicale a trasmissione orale. A quegli anni risale la fondazione, insieme ad altri musicisti, del gruppo il “Canzoniere del Lazio”, che è stato all’avanguardia nella diffusione e rielaborazione della musica folk del Lazio, con spettacoli e concerti di rilevanza nazionale.Dal 1990 inizia una nuova intensa attività tesa a diffondere:
- il repertorio del mondo musicale contadino, con il gruppo “La Piazza” con lo scopo primario di far conoscere la realtà musicale contadina del Lazio; con questa formazione ha partecipato a numerosi folk festival in Italia e all’estero;
- il repertorio di canti della Resistenza e, più in generale, canzoni e testimonianze contro la guerra con lo scopo di diffondere, attraverso sia canti popolari sia brani d’autore, una cultura pacifista e contro ogni forma di guerra;
- il repertorio della canzone romana sia per quanto riguarda antichi canti legati alla trasmissione orale, sia la canzone d’autore, con particolare attenzione alla produzione di Romolo Balzani, l’autore più rappresentativo di quaranta anni di attività musicale romana. È del 2001 la pubblicazione del CD “Barcarolo Romano” frutto del lavoro di ricerca, presso l’archivio di famiglia, sulle canzoni di Romolo Balzani. Nasce il gruppo “Canzoniere di Roma” come continuazione del lavoro sulla canzone romana con Sonia Maurer a cui si aggiungono altri 3 musicisti.
- Dal 2000 inizia l’attività di direzione di grandi gruppi con repertorio popolare, politico e sociale: il “Laboratorio di Canti popolari politici e sociali” e la “Sbanda del Bosio” presso Circolo Gianni Bosio, la “Sarabanda”, il “Coro Multietnico Romolo Balzani” nel VI Municipio presso la scuola Iqbal Masih.
Sabato 30 Agosto ore 15-18
Nonsolopizzica
uno sguardo alle danze popolari pugliesi “minori”
a cura di Mario Gennari
Il fenomeno di grande successo che riguarda il revival etnomusicale pugliese (ed in particolare salentino) si fonda sulla riproposta del repertorio della pizzica-pizzica, peraltro fortemente rimaneggiato e reinventato nelle forme di ballo, per carenza di pratica e memoria e tradizionale.
Il movimento della neopizzica ha quindi messo in ombra alcune danze di notevole diffusione popolare nei due secoli precedenti, e rimaste sporadicamente nella memoria e nella pratica contemporanea, quali scottish, polche figurate e quadriglie. Alcune di queste danze saranno oggetto del laboratorio.
Mario Gennari si interessa di cultura popolare, di musica e danza tradizionale, di conservazione e valorizzazione dei materiali documentali di tradizione orale. Frequenta i circoli che, principalmente in area milanese, si occupano di musica e danza tradizionale, e in questo ambito svolge ruoli organizzativi, programmatici e didattici. Ha seguito corsi di danza tradizionale coi più accreditati insegnanti, e ha partecipato a corsi di formazione organizzati dagli etnocoreologi Dina Staro e Pino Gala. Propone corsi di danza, prevalentemente del Sud, quando esiste interesse nell’approfondimento culturale dei repertori. In ambito pugliese mantiene da molto tempo rapporti con musicisti e operatori culturali, in particolare con il Centro Studi Tradizioni popolari del Gargano e Capitanata.
Informazioni
I corsi sono a numero chiuso.
Necessitano della prenotazione preventiva con versamento anticipato della quota d’iscrizione
Quote di iscrizione ai corsi:
Tamburello a cura di Antonio Franciosa 15 Euro
Organetto a cura di Filippo Gambetta 15 Euro.
Danza Tarantella alla zampogna a cura di Francesca Trenta 15 Euro
Danza Ballo sul tamburo a cura di Raffaele Inserra Catello Gargiulo e Hiram Salsano 10 Euro
Canto a cura di Sara Modigliani 15 Euro
Nonsolopizzica a cura di Mario Gennari 10 Euro
Iscrizioni entro il 20 Agosto 2014
Programma dettagliato su www.mantice.net
Prenotazione corsi
Tutti i corsi sono a numero chiuso e necessitano della prenotazione e del versamento anticipato della quota di iscrizione.
Il costo di ogni corso è relativo alla sola quota di iscrizione.
L’iscrizione deve pervenire entro e non oltre il giorno 20 Agosto 2014 con le seguenti modalità:
1) Richiesta di prenotazione
Telefonare al numero 339 2327810 o in alternativa 0773 484955
2) Conferma della prenotazione
Se la richiesta di prenotazione viene accettata dall’Associazione Mantice il richiedente deve confermarla inviando quanto prima la quota d’iscrizione tramite uno dei seguenti mezzi:
- Bonifico bancario su c/c associazione Mantice IBAN IT 29 V032 9601 6010 0006 4307 424
Nella causale indicare nominativi degli iscritti e relativi laboratori
- Vaglia telegrafico o assegno non trasferibile intestato a:
Associazione culturale Mantice
Spedire all’indirizzo postale di Spini Tiziana Via Botticelli 12 - 04100 Latina allegando foglio con nominativo degli iscritti e relativi laboratori.
3) Segnalazione dell’avvenuto pagamento
Una volta inviata la quota confermare l’avvenuto pagamento indicando il mezzo prescelto:
- via posta elettronica (mantice@fastwebnet.it) oppure
- telefonica o SMS al numero 339 2327810 o in alternativa telefonica al numero 0773 484955
4) Conferma dell’iscrizione
L’iscrizione sarà confermata solo dopo il ricevimento della quota.
5) Prenotazioni non confermate
Tutte le richieste di prenotazioni telefoniche che dopo 10 giorni non saranno confermate non saranno prese in considerazione.
Una volta raggiunto il numero massimo ammesso per ogni corso non saranno accettate quote e quelle eventualmente pervenute nel frattempo saranno restituite.
Solo nel caso che i corsi non abbiano raggiunto il numero massimo ammesso sarà possibile iscriversi anche dopo il 20/08/2014 telefonando al numero 339 2327810 o in alternativa 328 0136395 accordandosi sulla modalità di invio della quota.
Non è consentita la partecipazione a più corsi che si svolgano negli stessi giorni.
Pranzi
Convenzioni con trattorie e ristoranti per pranzi e cene a menù fisso. Ritirare alla segreteria del festival il foglio con le convenzioni, menù e prezzi.
Pernottamento
Per informazioni PRO LOCO - UFFICIO TURISTICO Piazza Plebiscito - Civitella Alfedena (AQ) Tel. 0864.890194 - www.comune.civitellaalfedena.aq.it - uffturiscivitella@tiscali.it
Segreteria del festival: mantice@fastwebnet.it
Marco Delfino: 339 2327810 - Tiziana Spini: 328 0136395