Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Chiamata a raccolta. Collezioni private in mostra

Chiamata a raccolta. Collezioni private in mostra

Seconda mostra per la Galleria CIVICA a Trento, terza sede del polo museale che fa capo al Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto. Chiamata a raccolta guarda al territorio e costruisce nuove e importanti relazioni grazie a chi ha costruito negli anni importanti collezioni di opere tra il XX e del XXI. E’ questo un collezionismo spesso sconosciuto, riservato, intimo, che il pubblico ha avuto occasione di incontrare raramente.

Vengono narrati i gusti, le passioni e gli orientamenti di famiglie, individui e istituzioni che hanno vissuto e raccontato un territorio, influenzandone i gusti e abitandone le manifestazioni culturali. Nello studio delle opere e delle raccolte, tutte provenienti da prestigiose collezioni trentine pubbliche e private, si delinea, per la prima volta, il profilo di un collezionismo che merita attenzione, promozione, incoraggiamento e che assume, con la mostra, una nuova vocazione collettiva. Scelte non solo per la qualità estetica e formale, ma anche e soprattutto per affinità stilistiche, le opere accompagnano il visitatore lungo un excursus di grande interesse.
 
Nella progressione delle “stanze” della CIVICA, in un’intimità che richiama in qualche modo le originarie collocazioni di alcune delle opere presenti, si costruiscono e si mettono in scena “dialoghi” stimolanti e impensati. A cura dall'architetto trentino Roberto Festi, in collaborazione con Gabriele Lorenzoni, la mostra alla Galleria CIVICA presenta circa 100 opere storicamente collocate tra la metà del secolo scorso e la più recente contemporaneità.

Il percorso espositivo è organizzato per nuclei tematici: ritratto, paesaggio, natura morta e astrattismo e le opere degli artisti trentini, da Iras Baldessari a Luigi Bonazza, da Gino Pancheri a Luigi Senesi, da Othmar Winkler a Remo Wolf ai più giovani  Luca Coser, Jacopo Mazzonnelli, Valentina Miorandi e Christian Fogarolli, si confrontano, tra gli altri, con Afro, Lyonel Feininger, Giorgio Morandi, Karl Plattner, Mario Schifano, Emilio Vedova, Shay Frisch Peri, rendendo omaggio alla sensibilità dei collezionisti che li hanno scelti e voluti.