Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Cesa (CE): viaggio nella cultura del vino asprinio

Cesa (CE): viaggio nella cultura del vino asprinio

In esclusiva per i soci e gli amici del Touring Club Italiano mattinata dedicata ad una caratteristica ed interessante visita guidata per scoprire una coltura unica al mondo: quella del vino asprinio. 
Le viti vengono disposte in alberate con altezze dai 10 ai 12 metri, “maritate al pioppo”, formando imponenti barriere verdi. Tra due pioppi vengono tese le corde di ferro zincato, intorno ai quali si allungano le viti e si attorcigliano i tralci di asprinio. Un bicchiere di vino asprinio contiene decine e decine di acini di uva raccolti a varie altezze fino a 12 metri dai “vilignatori“ con fescina e scalillo.
Manifestazione in collaborazione con le Associazioni Pro Loco e Mea Terra di Cesa.

Cesa è un comune della provincia di Caserta in Campania con 8 833 abitanti.
Fu indubbiamente una delle minuscole contrade della Liburia Atellana, che visse una storia agreste senza alcunché di notevole. Fu legata probabilmente alle vicende della morente Atella e, più tardi, della nascente Aversa, poiché, dopo il Mille, Cesa fu per lungo tempo un casale della Città Normanna, appartenuto prima al feudo del conte Roberto di Sant'Agata, e successivamente ai Carafa, ai Villano, ai Palomba, ai Del Tufo e ai Maresca, che ne furono gli ultimi proprietari.
Chiea di San Cesario: l'imponente e suggestiva facciata si affaccia sull'antistante piazza De Michele, vero e proprio centro della vita cittadina. L'interno, di stile romanico rinascimentale, diviso in tre navate e poggiante su grandi colonne m. 23,40 per 13. La volta, le tre cupole e il transetto sono decorati con pregevoli affreschi del Taglialatela e dello Iodice, raffiguranti scene della vita di San Cesario Martire.
Palazzo Marchesale. Attiguo alla chiesa parrocchiale, in via Marconi, sorge maestoso ed imponente con le sue due suggestive torri. Fu abitato dalle numerose famiglie che in passato furono i signori di Cesa. Risalente all’inizio del XV secolo, poco o niente conserva dell'originale struttura, a causa dei lavori di ampliamento e restauro eseguiti nel sec. XIX dai Maresca, ultimi proprietari del feudo.
Il nostro Patrimonio Agricolo
Un anno eccezionale per la nostra Associazione e l’intera comunità Cesana. 
L'elaborazione della bozza di legge, presentata dai soci della Pro Loco al Consiglio Regionale e la relativa approvazione, Legge R. n. 51/2016 "Conservazione e Valorizzazione delle Alberate Aversane e delle Viti maritate al Pioppo" (Reg. Gen. n.57 del 29.04.2016), rappresenta un traguardo miliare, dopo venti anni di lavoro profuso in difesa del nostro patrimonio agricolo, nonché dell’eredità culturale contadina e delle nostre radici.
La giornata di oggi è l’inizio di una nuova avventura, un nuovo impegno civico da parte di tutti, siamo davanti ad una nuova sfida regionale e dobbiamo prepararci alla realizzazione dei Parchi Agricoli, alla tutela dell’alberate aversane e alla difesa del nostro paesaggio.
La "Pro Loco"e "Mea Terra" vogliono festeggiare questo momento magico, insieme ai soci ed agli amici del Touring Club Italiano, attraverso un viaggio emozionante tra le Alberate Aversane o viti maritate al Pioppo, le Corti e le Grotte, con suoni, profumi, sapori e degustazioni di vino Asprinio.
Cesa: il paese delle 99 Grotte 
Grotte, pozzi, monti, cisterne, cunicoli. Esistono in poche migliaia di metri quadrati ben 99 cavità artificiali ubicate nel centro storico di Cesa, circa 60 sono vere e proprie Grotte. Molte di esse sono collegate tra di loro creando dei suggestivi paesaggi sotterranei. 
Asprinium Festival e Alberate Aversane
A fine Maggio di ogni anno, la Pro Loco organizza "Asprinium Festival", una manifestazione tesa alla valorizzazione del vino Asprinio prodotto dai grappoli di uva raccolti dalle Alberate Aversane.
La coltura del vitigno Asprinio è unica al mondo, rispetto alle altre colture vitivinicole per la sua tipologia di allevamento.
Le viti vengono disposte in alberate con altezze dai 10 ai 12 metri, “maritate al pioppo”, formando imponenti barriere verdi. Tra due pioppi vengono tese le corde di ferro zincato, intorno ai quali si allungano le viti e si attorcigliano i tralci di asprinio.
Un bicchiere di vino asprinio contiene decine e decine di acini di uva raccolti a varie altezze fino a 12 metri da nostri “vilignatori“ con fescina e scalillo.

Scheda della visita a cura del prof. Alfredo Oliva 

 

Altre informazioni utili: 

Programma di massima 
- ore 9.30 – appuntamento in piazza De Michele -Cesa (Ce). Accoglienza da parte del prof. Alfredo Oliva e dell'arch. Michele Autiero, presidente Pro Loco Cesa. Mezzi propri - Parcheggio gratuito in loco; . 
- ore 10.00 – inizio della visita alla Chiesa di San Cesario ed al Palazzo Marchesale; 
- ore 10.30 – trasferimento con mezzi propri nel Parco Agricolo Cardoni e visita alle Alberate Aversane, uso degli attrezzi per la raccolta dei grappoli di uva, uso della fescina e utilizzo dello scalillo; 
- ore 11.45 – ritorno in piazza De Michele – Cesa (Ce). Passeggiate attraverso le corti e visita alle grotte di Cesa: un viaggio emozionante con suoni, profumi e sapori. Degustazioni in grotta di prodotti tipici e brindisi con il vino asprinio; 
- ore 12.45 – conclusione e saluti.

È necessaria la prenotazione presso il Club di Territorio “Terra di Lavoro” inviando una email a: 
terradilavoro@volontaritouring.it 
oppure telefonando a: 
333/9808553 (Antonio La Gamba) 
Partecipanti: max 40 persone 
Quote: La manifestazione è gratuita per i soci e gli amici del Touring Club Italiano. 
I soci e gli amici del Touring Club Italiano regolarmente iscritti alla manifestazione sono coperti da apposita polizza assicurativa per la responsabilità civile. 
Per comunicazioni urgenti il giorno della manifestazione è possibile contattare il numero 340/6886751 (Sergio D’Ottone). 
Le prenotazioni sono aperte. 
Il Volontario Touring accompagnatore ha la facoltà di variare l’itinerario. 
La manifestazione si effettua anche in caso di pioggia. 
Il Club di Territorio “Terra di Lavoro” del Touring Club Italiano si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione. 
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del TCI e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania. 
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.