Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Carnevale Trojano

Carnevale Trojano

Sckrì - SckrìSckrò, tutt vév'n e ghij no, tre so li bèll v'ccu°n: carn, pésc e maccaru°n

E' la vecchia filastrocca che, negli anni quaranta e cinquanta del secolo scorso, gruppi di ragazzi, di donne e di uomini, recitavano a parenti ed amici. Costoro, mascherati indossando gli abiti del sesso opposto e battendo i coperchi delle pentole per le strade cittadine, ricevevano dalle famiglie a cui facevano visita, uova, salsiccia, polmonata, tarallini al vino bianco e vino per i loro banchetti.

Nei giorni che precedono il carnevale, vengono sistemati lungo la via principale del paese i “carnuwale”. Pupazzi imbottiti di paglia dalle sembianze umane, vestiti talvolta in pigiama e recanti un fiasco di vino simbolo della trasgressione prima del periodo della penitenza quaresimale, che vengono derisi e scherniti dai passanti. Questi fantocci rappresentavano una figura maschile, spesso associata a quella del marito, contro cui le donne potevano infierire in tempi in cui la loro posizione era di sottomissione rispetto a quella dell'uomo.

Per l'evento, le maschere si raduneranno già dalle prime ore pomeridiane presso l'ex convento di S.Domenico, alle porte della città vecchia, per attendere gli sposi Antonietta e Giacomino, i rispettivi genitori, i compari e gli invitati. Il corteo nuziale, seguendo un gigantesco fantoccio, sfilerà lungo il corso principale (via Regina Margherita), per arrivare nella Villa Comunale. Sposi, parenti ed invitati saranno mascherati, come da tradizione, con abiti rigorosamente nostrani, sgargianti e vistosi, tutti con abbondante trucco e con scambio dei ruoli (l’uomo con vestiti e trucco da donna e viceversa). Lì, davanti al sindaco, ai testimoni e al barbiere (antico regista degli eventi nuziali) sarà celebrato il rito civile del matrimonio, tra battute e discorsi in dialetto italianizzato.

Taranta, pizzica, tarantelle e la musica del dj Linus allieteranno il banchetto nuziale dove tutti potranno partecipare e nel contempo degustare i prodotti e i dolci locali (chiacchiere, struffoli, vino di Troia e molto altro).

Durante la serata avrà luogo la premiazione del concorso di maschere a tema “Dagli anni '20 agli anni '90”, dove saranno premiati le maschere più originali e che meglio interpreteranno la tradizione locale.

La serata si concluderà con il funerale di Carnevale. Un fantoccio, fra i lamenti e le grida dei presenti, sarà trasportato su di una panca addobbata con un panno nero lungo la “chiazza” (via principale del paese) fino al luogo designato per “accippare” (dare fuoco) carnuwale.  L'utilizzo del fuoco, attraverso la sua azione purificatrice, rappresenta un rito di passaggio da un periodo di "gioia sfrenata" alla Quaresima.