Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Capolavori dell'800 piemontese da collezioni private a Bene Vagienna

Capolavori dell'800 piemontese da collezioni private a Bene Vagienna

Una proposta che si distacca, almeno per quanto riguarda la Provincia di Cuneo, dalle ritrite mostre dedicate ai “sacri mostri” del '900 e che si pone al pari di un’esposizione museale che, certo, merita di essere vista per la qualità e l’abilità di impostazione. Impostazione che sottolinea  il naturalismo emergente dal Mercato a Nizza Marina di Carlo Follini e da Il porto di Rapallo di Marco Calderini, il romanticismo che esulta prepotente dall'”unico” Tramonto sull'Arno di Antonio Fontanesi e dall’orientalismo internazionalmente riconosciuto del Mercato davanti alla Moschea del notissimo Alberto Pasini. A seguire si impongono i piacevoli paesaggi di Lorenzo Delleani, dipinti en plein air, il Porto di Genova del quasi impressionista Enrico Reycend, Il pascolo sull'alpe del magico Andrea Tavernier  ed i più recenti scorci di Camillo Merlo e Leonardo Roda i quali risentono tuttavia della lezione pittorica dei loro contemporanei e predecessori. Un tocco di allegria, pur sempre legato alle correnti imperanti nel periodo Otto/Novecento, viene dal luminoso Il Cervino  di Cesare Maggi, a volte pingitore per la pagnotta, dal materico e coloratissimo Il mercato dei polli di Alessandro Lupo, dall’ intrigante opera di Giulio Boetto Piazza Castello, che porta avanti, in mostra, il proprio discorso con altrettante rarità, e dal modernismo interpretativo di Alberi di Carlo Fornara. Distacco tecnico emerge invece in alcuni lavori di Carlo Pittara (L'agnellino bianco), ed Eugenio Morbelli (Veduta della riviera ligure e  La chiesetta) già influenzati dalle correnti d’oltralpe ma che, in contrapposizione agli impressionisti, predicarono sempre una pittura solida e costruttiva, caratterizzata da pennellate precise e purissime volte a creare piacevoli sfumature ed a combinare meticolosamente  i colori l’uno con l’altro. Clou della curata ricerca storico-artistica, naturalmente, Mercato di mattino in Piemonte -1884, di Giovan Battista Quadrone e Mattino invernale -1903, di Matteo Olivero, protagonisti delle copertine del prezioso catalogo diffuso in mostra.

Giorgio Barberis