Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Borgosesia: Mercu Scurot

Borgosesia: Mercu Scurot

Il giorno di mercoledì delle Ceneri, il 10 febbraio 2016, a Borgosesia (Vc), nella Bassa Valsesia, si festeggia il “Mercu Scurot”: un lungo corteo che inscena allegoricamente il funerale della festa in maschera. Svegliati dalle note della banda cittadina, in frac, gala (un grosso farfallino bianco di garza), cilindro e mantella, dopo un pranzo pantagruelico, inizieranno un tour enologico della città bevendo vino presso le osterie e i banchetti, scortando la maschera del Peru Magunella fino al rogo e quindi al termine del suo regno carnevalesco.
Mercu Scurot ha più di cento anni di vita ma non li dimostra: a Borgosesia, d’altronde, il Carnevale è “la” festa per eccellenza dell’anno. Con un particolare che lo rende unico: nel primo giorno di Quaresima, proprio quando gli altri carnevali italiani chiudono i battenti, quello della cittadina in provincia di Vercelli vive il suo momento culminante! E così anche in questa edizione Borgosesia si vestirà a festa tra sfilate di carri allegorici e mascherate, sagre enogastronomiche, veglioni, bande musicali e momenti dedicati ai più piccoli, il tutto all’insegna dell’accesa rivalità fra i 5 Rioni cittadini per la conquista dell’ambito Palio, uno splendido stendardo cucito a mano che premierà il carro vincitore.
Borgosesia, paese della Valsesia, è ricordato per la Manifatture Lane che finanziò l’acquisto di due piroscafi su cu cui si imbarcarono i Mille di Garibaldi. Di particolare rilievo è il santuario di S. Anna che deve la sua fama alle sei cappelle dedicate agli episodi della Vita della Vergine. Risalendo per 13 km la Valsesia merita una visita anche il Sacro Monte di Varallo (Varallo è Bandiera arancione Tci!), sorto per iniziativa del Beato Bernardino Caimi, che, di ritorno dalla Terra Santa, volle ricreare in piccolo i luoghi della Palestina. Il complesso degli edifici, una cinquantina è stato costruito nel corso di un paio di secoli. Ogni cappella rappresenta, con affreschi (circa 4mila figure) e con gruppi di statue (circa 400), scene della vita di Gesù e di Maria.