Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Bergamo: torna l'Orobie film festival

Bergamo: torna l'Orobie film festival

Dal 18 al 23 gennaio al Teatro Auditorium di Bergamo, a partire dalle ore 20.30 torna l'Off – Orobie film festival, la rassegna internazionale del documentario e del film di montagna giunta alla decima edizione.
L'Orobie Film Festival, promosso dall’Associazione culturale Montagna Italia, con il patrocinio della Sezione e Sottosezioni di Bergamo del Cai, è un festival cinematografico dedicato alla montagna che ha l'obiettivo di diffondere la cultura e la conoscenza delle montagne attraverso il cinema con la promozione di un concorso rivolto a registi e produttori che abbiano prodotto e girato film, cortometraggi e documentari riguardanti le cosiddette “terre alte del mondo”.
Le tematiche toccate dal Festival sono l’alpinismo, l’arrampicata, la natura, la storia, i personaggi e gli usi e i costumi nelle montagne di tutto il mondo. I film in concorso in questa 10a edizione sono 16 suddivisi nelle tre sezioni sui monti di Lombardia, d'Italia e del mondo e nel corso delle varie serate si spazierà da una emozionante scalata in Alaska a un documentario girato tra i monti della Valgrande, dai racconti di un freerider alla salita sul Cervino, da una spedizione in Groenlandia al racconto dello sviluppo del free climbing. Nella serata finale di sabato 23 gennaio saranno premiate le migliori opere, alla presenza dei registi e delle case di produzione.
Oltre alla proiezione dei film in concorso, l'Off riserva agli appassionati del cinema di montagna alcuni eventi collaterali dedicati alla musica, al cinema e allo sport in montagna. Uno spazio particolare di questa decima edizione sarà dedicato al grande alpinista Walter Bonatti. Grazie alla collaborazione del Centro di cinematografia e Cineteca del Cai saranno proiettati tre film fuori concorso con Bonatti protagonista. La serata inaugurale lunedì 18 gennaio prevede le proiezioni dei film: Castro Daire, Serra di Montemuro di Sergio Pereira, Citadel di Alaistar Lee, e Il Pilone centrale del Freney di Jérome Equer; nel corso della sera vi sarà anche l'incontro con l'alpinista Maurizio Agazzi e l'esibizione del Coro Angelo di Villongo. All’interno del Festival è stato promosso anche un concorso fotografico dedicato al tema della montagna al quale possono partecipare ogni anno fotografi professionisti e fotoamatori con la passione per lo scatto in alta quota. Cinque fotografie per ogni sezione saranno proiettate tutte le sere e sabato 23 gennaio verranno proclamate le tre vincitrici, alla presenza degli autori.