Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Avellino: alla scoperta della capitale dell’Irpinia

Avellino: alla scoperta della capitale dell’Irpinia

In esclusiva per i soci e gli amici del Touring Club Italiano giornata dedicata ad una appronfondita visita guidata della capitale dell’Irpinia. 
La mattina salita con la funicolare (di recente riattivata) al complesso di Montevergine. Il pomeriggio, dopo la pausa per assaporare l’enogastronomia del territorio, visita ai principali monumenti del centro storico della città.
La storia sembra essere passata di soppiatto dalle parti di Avellino. Eppure, dall'alto, il santuario di Montevergine è già dal XII secolo testimone della lunga storia di questa città, così come dei bombardamenti del secondo conflitto mondiale e degli implacabili terremoti che hanno lasciato scarse vestigia dei tempi più antichi.
Oggi Avellino, capoluogo di provincia, ha un aspetto per lo più moderno e a parlare dei suoi duemila anni di storia rimangono pochissimi frammenti di edifici e i reperti archeologici in mostra al Museo provinciale irpino. Del nucleo storico restano i ruderi del castello longobardo (XVI-XVII secolo), mentre della Cattedrale poche parti risalenti al XII secolo, nascoste dietro a una fredda facciata neoclassica. Dalla chiesa principale si prosegue in piazza Amendola dove, come pure lungo corso Umberto I, sono le testimonianze rimaste della città medievale e barocca. Tra queste, il medievale palazzo della Dogana, l'obelisco seicentesco e le contemporanee torre dell'Orologio e fontana di Bellerofonte.
La natura e la storia saranno state poco clementi, ma Avellino rimane una città affascinante, grazie alle sue atmosfere, ai paradossi architettonici, alle tradizioni care ai suoi abitanti e alla loro spiccata religiosità che si manifesta in celebrazioni partecipatissime. Per chi volesse mischiarsi con gli avellinesi, l'attività da non mancare è il tradizionale "struscio" serale lungo corso Vittorio Emanuele II. Il passo è quello lento e disimpegnato dei locali che, tra negozi e bar, passeggiano dall'imbocco di viale Italia a piazza della Libertà, centro della città moderna su cui affaccia il settecentesco palazzo Caracciolo.

Altre informazioni utili: 

Programma rogramma 
- ore 9.30 - ritrovo dei partecipanti (mezzi propri) nel piazzale antistante la funicolare per Montevergine sita al Viale San Modestino di Mercogliano (AV);
- ore 10.00 - partenza. Prezzo biglietto A/R 5 euro per comitiva di almeno 20 persone. Singolo 8 euro A/R;
- Visita guidata al santuario;
- ore 13.00 - discesa a Mercogliano;
- pranzo al sacco o presso ristorante convenzionato al costo (max) di 25 euro a persona;
- ore 16.30 - ritrovo in piazza Castello di Avellino per iniziare il giro culturale guidato nel centro storico di Avellino: da piazza Castello si risale lungo la scalinata esterna del Teatro Carlo Gesualdo per raggiungere piazza del vescovado, la cripta, la torre dell’orologio, il Duomo, la fontana dei tre “cannuoli”; Piazza Amendola (Dogana) per poi risalire per Corso Umberto I e raggiungere Piazza Libertà. Per l’ex carcere Borbonico e la sezione Archeologica del Museo Irpino, siamo in attesa di conferma dell’apertura.
È necessaria la prenotazione presso il Club di Territorio “Paesi d’Irpinia” inviando una email a:
pietro.mitrione@tin.it 
Le prenotazioni sono aperte.
.Trasporti: mezzi propri
Quote: la manifestazione è gratuita per i soci e gli amici del Tci.
Pranzo al sacco o presso ristorante convenzionato al costo (max) di 25 euro a persona.
I soci e gli amici del Tci regolarmente iscritti alla manifestazione sono coperti da apposita polizza assicurativa per la responsabilità civile.
Il Volontario Touring accompagnatore ha la facoltà di variare l’itinerario. La manifestazione si effettua anche in caso di pioggia.
Il Club di Territorio “Paesi d’Irpinia” del Tci si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione.
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del Tci e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania.
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.