Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Autunno Arte a Montagnana

Autunno Arte a Montagnana

Torna l'appuntamento con la mostra d'arte presso la Sala Austriaca di Castel San Zeno a Montagnana.

La storia di Montagnana si racconta da sola attraverso le sue bellezze, partendo dalle sue possenti quanto fascinose mura, dai suoi maestosi edifici come il Duomo di Santa Maria Assunta, dimora di tesori artistici come la Pala di “Cristo Risorto” di Paolo Veronese.

A Montagnana tanti maestri d’arte sono stati di casa: Lorenzo da Bologna, Andrea Palladio, Giorgione e il già citato Paolo Veronese.

Per tutto ciò, e non solo, l’Amministrazione Comunale, da sempre in prima linea nel portare in città forme d’arte di livello nazionale ed internazionale, con piacere ha accolto e si è resa partecipe per dar vita alla seconda edizione dell’iniziativa “Autunno Arte a Montagnana” di A.M. Artevents, la quale è riuscita a portare in città dopo Andrea Giovannini e Marica Fasoli, gli artisti dell’edizione 2015, altri due artisti di arte moderna di fama internazionale, quali Marco Saviozzi e Chiara Cesana. A.M. Artevens attraverso questa nuova mostra vuole contribuire a diffondere l’Arte Moderna ad una platea sempre più vasta e ricercata, qual è quella di Montagnana; platea amante della storicità ma contestualmente anche del moderno, del nuovo e delle nuove forme artistiche.

 

Le opere di Marco Saviozzi sono il frutto del suo gusto verso l’arte, attraverso un’incessante attività di ricerca. I soggetti dell’artista sono immagini che non comunicano direttamente, ma che ugualmente divulgano interesse. La stesura del colore, unica nel suo genere di dipingere, è senz’altro la forza delle opere di Saviozzi; opere giovani ma non troppo, libere anche se in una chiara pulizia delle linee.

 

Chiara Cesana è un’artista brianzola laureatasi all’Accademia di Belle Arti di Brera nel 2002. Chiara sviluppa la sua vena artistica attraverso dipinti che spaziano dal ritratto dei miti del cinema ai ritratti di persone comuni, ambientati in un mondo del tutto surreale e simbolico. I dipinti prendono vita tramite il colore e l’utilizzo dei materiali più vari, il colore e la materia fuoriescono da uno spazio che non è più circoscritto nella tela.

 

La mostra sarà aperta al pubblico da sabato 1 ottobre, con inaugurazione alle ore 18.30, a domenica 9 ottobre 2016 dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00 dal venerdì alla domenica.

Per informazioni contattare il curatore della mostra Andrea Malaman : 333 8289350