Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Ascea(SA) Sito Archeologico di Elea/Velia e Vallo-Lucania Badia di Santa Maria di Pattano

Ascea(SA) Sito Archeologico di Elea/Velia e Vallo-Lucania Badia di Santa Maria di Pattano

Dove

Indirizzo evento: 
c.da Piana di Velia, 84046 Ascea SA
Ascea e Vallo della Lucania

Quando

Domenica 8 Aprile 2018
giornata intera

Ritrovo

Come arrivare: 

- Partenza da Napoli: P.zza Vanvitelli ore 7.00 e da P.zza Garibaldi (alle spalle del monumento) ore 7.30. Il pullman partirà inderogabilmente cinque minuti dopo l’orario previsto in programma o indicato dal console accompagnatore.
- Partenza da Salerno: ore 8.15, stazione di servizio della Esso - via Risorgimento.
Itinerario: si procede via autostrada e quindi per viabilità locale fino a raggiungere Ascea Marina. Visita al Parco Archeologico di Elea - Velia.
- L’appuntamento per coloro che intervengono con mezzi propri è alle ore 10.30 all’ingresso del Parco Archeologico di Elea / Velia.

- Rientro previsto per le ore 21,00.

Ora di ritrovo: 
ore 7 - 7.30 - 8.15

Contatti

Organizzatore: 
Tci Corpo Consolare della Campania
Indirizzo mail: 
prenotazionitcina@gmail.com
Recapito di emergenza: 
339.6923251 (Enrico Andria)
Console accompagnatore: 
Enrico Andria, console del Touring
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
Locali

Visita al Parco archeologico di Elea - Velia, città fondata da esuli greci nel 540 a.C., sede della famosa scuola filosofica di Parmenide e Zenone, in esclusiva per i soci e gli amici del Tci.
Nel pomeriggio, dopo il pranzo, visita al millenario complesso badiale di Santa Maria di Pattano, il monastero più integralmente conservato dell’Italia Meridionale, con il “katokilon”, la torre campanaria, la chiesa e la statua di San Filadelfo.
Scheda della visita 
Parco Archeologico di Elea - Velia: eccezionale sito archeologico, presso la Marina di Ascea, in prossimità dello sbocco al mare del fiume Alento. Velia fu fondata nel 540 avanti Cristo da coloni Focei, conservò a lungo l'impronta ellenica e fu famosa per la scuola filosofica di Parmenide e Zenone. Scomparve tra il secolo VIII e IX probabilmente per le incursioni saracene. L'acropoli conserva i resti delle più antiche abitazioni e del tempio ionico (inizi secolo V a.C.); poco lontano si riconoscono il muro di contenimento e alcuni gradini del teatro (III a.C.). Nei pressi della porta Marina sud s'incontra l'area porticata (secolo III a.C.) interpretata come l'agorà, e i resti della cinta muraria del VI a.C. Più avanti si individuano i ruderi delle terme di età romana e si giunge quindi a due porte: la prima risale alla fase arcaica della fortificazione; la seconda è la cosiddetta porta Rosa, un varco naturale che ebbe sistemazione monumentale a metà secolo IV a.C.
La Badia di Santa Maria di Pattano: è il monastero italo - greco più integralmente conservato dell’Italia Meridionale. Il complesso sorge circa due chilometri dalla cittadina di Vallo della Lucania presso il borgo omonimo. La prima data certa relativa al monastero è l’anno 993 d.C., anno in cui l'hegumeno Cosma presiede in una locale disputa tra un vicino monastero ed un proprietario terriero. L’importanza attribuita all’hegumeno di Pattano tradisce l’importanza del monastero stesso, che fa pensare che il complesso esistesse in zona già da molti anni. Situato in un crocevia di connessioni tra il centro Italia e le regioni meridionali, la Badia prosperò per secoli, dotandosi di un ricco patrimonio culturale del quale ancora oggi sono visibili tracce nei magnifici affreschi. La Badia appare al visitatore come una sorta di masseria fortificata, cinta da mura che delimitano non solo l’insieme dei corpi di fabbrica ma anche una vasta area agricola destinata alla coltivazione ed ai lavori rustici, oggi in gran parte piantata ad agrumi. A dispetto del carattere rustico, il complesso accoglie importanti testimonianze storiche, archeologiche, architettoniche ed artistiche che, unitamente al fascino un po’ decadente, ne fanno un episodio di grande valore culturale e suggestive bellezza. L’ampio complesso monumentale comprende la Chiesa di Santa Maria, il cui primo impianto bizantino è databile al X-XI secolo; la coeva torre campanaria, tra le più interessanti ed originali dell’Italia Meridionale; la preziosa chiesa di San Filadelfo,ricca di affreschi bizantini del X e XI secolo; le fabbriche del cenobio antico, con un cortile aperto ed un rustico chiostrino di impronta greca.

Altre informazioni utili: 

Programma di massima 
- Partenza da Napoli: P.zza Vanvitelli ore 7.00 e da P.zza Garibaldi (alle spalle del monumento) ore 7.30. Il pullman partirà inderogabilmente cinque minuti dopo l’orario previsto in programma o indicato dal console accompagnatore.
- Partenza da Salerno: ore 8.15, stazione di servizio della Esso - via Risorgimento.
Itinerario: si procede via autostrada e quindi per viabilità locale fino a raggiungere Ascea Marina. Visita al Parco Archeologico di Elea - Velia.
- Al termine della visita pranzo presso il ristorante “Porta Rosa” - Ascea Marina - con il seguente menù: Antipasto (Alici m’buttonate), Primo (Spaghetti con alici di menaica), Secondo (frittura di alici con insalata mista), Dessert (Sorbetto al limone), acqua minerale, vino e caffè.
- Nel pomeriggio, dopo il pranzo, trasferimento a Vallo della Lucania e visita al complesso badiale di Santa Maria di Pattano.
- Al termine della visita partenza del pullman per Napoli con itinerario inverso a quello dell’andata. Sosta con discesa a Salerno, stazione di servizio della Esso in via Risorgimento e, a Napoli, sosta con discesa al parcheggio di via Brin, all’HotelTerminus e a Piazza Vanvitelli.
- Rientro previsto per le ore 21.00.
Informazioni e prenotazioni:
Punto Touring di Napoli 
Via Cimarosa 38, 80127 – Napoli 
Lun – Ven: 9 / 13 e 15 / 19 
Sab: 9.30 / 13 
tel. 081.19137807
prenotazionitcina@gmail.com
Le prenotazioni sono aperte e scadono automaticamente sette giorni dopo la loro effettuazione, anche telefonica, se non confermate dal versamento della quota.
Quote 
- € 50,00 per i soci – (€35,00 sul posto) 
- € 58,00 per i non soci – (€43,00 sul posto) 
La quota comprende: il trasporto in pullman dal punto di riunione alla località prescelta, la visita come da programma, il pranzo come descritto in precedenza,l’assistenza delconsole,l’assicurazione per la responsabilità civile. 
Il costo dei biglietti di ingresso è a carico dei singoli partecipanti per consentire,a chi ha dirittoalla riduzione  all’esenzione, di poterne usufruire. 
La quota non comprende: i biglietti di ingresso, il compenso per la guida, le mance, le spese di carattere personale e tutto quanto non specificato.
- Trasporti: mezzi propri
-  Volontario Tci Accompagnatore: Enrico Andria, console del Touring
- Guide: locali

- Numero max partecipanti: 50 persone
L’appuntamento per coloro che intervengono con mezzi propri è alle ore 10.30 all’ingresso del Parco Archeologico di Elea / Velia. 
Il Corpo Consolare si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione.
Le quote non sono rimborsabili in caso di disdetta (vedi regolamento).
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del Tci e soggetta al regolamento della Commissione Regionale Consoli della Campania.
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club