Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Aquileia: "Il Bardo ad Aquileia - Visita guidata Tci alla mostra"

Aquileia: "Il Bardo ad Aquileia - Visita guidata Tci alla mostra"

Grazie alla Fondazione Aquileia, il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia ospita importanti reperti in arrivo dal Museo Nazionale del Bardo di Tunisi, colpito lo scorso 18 marzo dall’efferatezza del terrorismo fondamentalista, per la mostra Il Bardo ad Aquileia.

 

La mostra  si inserisce in un ciclo più esteso denominato Archeologia ferita con il quale la Fondazione Aquileia, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia e il Polo Museale del Friuli Venezia Giulia, intende portare in successione e con cadenza semestrale ad Aquileia opere d’arte significative provenienti da musei e siti colpiti dai tragici attacchi del terrorismo fondamentalista.

Sulla presenza delle opere del Bardo ad Aquileia, il direttore del Museo di Tunisi, Moncef Ben Moussa, ha scritto: «Le otto opere saranno ammirate dai visitatori del Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, un luogo ricco di cultura e testimone dello stesso universo, della stessa radice, i medesimi valori del Museo del Bardo, per dissolvere distanze e barriere. Gli abitanti di Aquileia, e non solo loro, vedranno qualcosa di se stessi, della loro storia e cultura, in una sorta di invito a scoprire se stessi nella storia dell'altro»

 

Le opere dialogano con i manufatti aquilesi non solo a sottolineare i legami e i collegamenti che caratterizzavano il Nord Africa e l’Alto Adriatico in età romana, nell’ambito di una circolazione di culture e religioni che abbracciava l’intero bacino del Mediterraneo, ma anche a testimonianza di quanti si oppongono a questa nuova terribile iconoclastia che tenta di negare alla radice il dialogo interculturale e interreligioso.

 

L’esposizione rappresenta uno spaccato dell’arte e dell’alto artigianato delle province africane in età romana tra il I e il III secolo.

Potremo ammirare:

il mosaico della dea Cerere ritrovato a Uthina

due mosaici di “lottatori nudi in presa” provenienti dal tepidarium delle terme di Gigthis

la testa dell’imperatore Lucio Vero da Dougga

la statua del dio Giove da Oued R’mel

la stele funeraria di Marcus Licinius Fidelis

un soldato originario di Lione, in Gallia, che fu sepolto ad Ammaedara

due ceramiche ritrovate nelle necropoli di El Aouja

una brocca decorata a rilievo

un contenitore cilindrico con rappresentazioni di dei e satiri.

 

In collaborazione con:

La Via degli Artisti Viaggi   

Agenzia Viaggi, Tour Operator Incoming e Nord Est Guide

 

Per ulteriori informazioni fare riferimento al programma in pdf allegato.

 

 

 

Altre informazioni utili: 

Prenotazioni obbligatorie entro il 20 gennaio scrivendo a:
karin@viadegliartistiviaggi.com
teresa@viadegliartistiviaggi.com

 

Quota individuale partecipazione:  
Soci: € 5,00
Non soci: € 8,00

 

La quota comprende:
Ingresso al Museo e Mostra
Assistenza del console TCI
Visita come da programma
Assicurazione RCT a cura del TCI

Accesso disabili: 
In collaborazione con: 

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club