Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Anacapri: viaggio Tci con escursione al sentiero dei Fortini

Anacapri: viaggio Tci con escursione al sentiero dei Fortini

Sentiero dei Fortini
Il sentiero ha inizio all'altezza di villa l’Arcera e sono presenti due pannelli che riportano una sintetica spiegazione generale.
Lo slargo si dirige subito vicino la costa, allontanandosi dalla strada carrozzabile.
All'inizio del sentiero, dove sono presenti alcuni rari esemplari di cipollaccio (un tempo piuttosto comune) plana la beccaccia, in dialetto locale «Arcera», che fu vittima della tradizione di caccia fortemente attiva nell'area.
Se si prosegue, il sentiero è sovrastato dal promontorio di Damecuta, noto per essere stato il luogo dove Tiberio edificò una delle sue dodici ville, dal quale si può veder volare il gheppio ed il falco pellegrino.
Per il resto il viottolo, accanto al quale crescono il lentisco, il mirto e l'alaterno, conduce ad un belvedere intagliato tra la macchia bassa e le rupi a picco.
Attorno a quest'ultimo avviene una fioritura copiosa di ruta, di euforbia arborea e di asfodelo; più avanti si trova invece la ginestra profumata.
Dal belvedere si intravede già il fortino di Orrico, il quale (come già accennato) sovrasta la punta del Miglio.
Nel mare che scorre nei pressi della costruzione è possibile vedere delle balenottere, qualche capodoglio od un delfino; tali specie sono talvolta di passaggio nell'isola quando, dalla penisola sorrentina, sono diretti all'isola d'Ischia.
Nei pressi del fortino è situata una piazzola, il Largo Sculture del Vento, sulla quale si cacciavano alcune specie di uccelli (quali tortore, beccacce e quaglie) portate nella zona dalla brezza.
Dopo il fortino di Orrico il cammino corre a margine di un bosco di lecci, lentischi ed oleandri; all'ombra di quest'ultimo cresce prospero l'asparago selvatico.
Proseguendo è possibile giungere alla spiaggia della Capre, chiamata in tal modo poiché in loco non è raro trovare un esemplare di tale specie.
Dopo il lido il sentiero, piegando a sinistra, si allontana dal mare addentrandosi in un'area boschiva.
Il sentiero dei Fortini, una volta sorpassata la spiaggia delle Capre, s'inoltra in una zona boscosa un tempo coltivata dove sono tuttora visibili i terrazzamenti sorretti da mura diroccate, nascosti dalla vegetazione spontanea.
Nell'area sostano molti uccelli canori e prosperano il carrubo, il finocchietto selvatico e il gladiolo.
Procedendo s'incontra un piccolo bosco di roverelle dentro al quale sostano specie animali: il cerambide della quercia, lo scarabeo rinoceronte, l'assiolo, l'usignolo e il topolino selvatico.
A questo punto il sentiero, fiancheggiando il muro di recinzione di una villa, presenta esemplari di alaterno, di mirto e di ginepro fenicio; quest'ultimo, di un'essenza resinosa, dà il nome a questa porzione di itinerario che, per l'appunto, è denominata via dei vecchi Ginepri.
Proseguendo la macchia si dirada ed è possibile vedere nuovamente il mare.
A questo punto del sentiero si intravede anche una piscina dalla sagoma lobata facente parte dell'ex villa Rovelli, che si apre su una penisola senza nome compresa tra la Cala del Lupinaro e quella del Rio.
Una scalinata in pietra viva conduce ad una strada rurale, più larga, spesso nota come via Passo della Capra oppure come slargo dei Rosmarini e degli Asfodeli; qui fioriscono copiosi l'asfodelo, il rosmarino e la campanula delle rupi.
Il percorso viene poi celato da un bosco di pini d'Aleppo, esteso a ridosso dell'ex villa Rovelli, dove è possibile incontrare qualche esemplare di upupa.
Il sentiero prosegue arrivando alla cosiddetta Forra dell'Acanto, in cui crescono la pianta omonima e le più umili specie arboree del gigaro e dell'arisaro.
Nel tratto successivo, invece, è presente un bosco a lecceta dove in autunno avviene una copiosa fioritura dei ciclamini.
Uscendo dal bosco si giunge alla piazzola delle Agavi, dove sono presenti l'agave e la scilla, specie rara nel bacino del Mediterraneo ma nell'isola abbastanza comune.
Tra le rupi crescono anche l'elicriso ed il finocchio di mare, che combatte l'aridità accumulando liquidi tramite le foglie succulente; inoltre i cespugli, per difendersi dal vento (piuttosto violento in questa zona), hanno generalmente assunto un portamento a cupola schiacciata sul suolo.
Procedendo lungo il cosiddetto sentiero del Vento si arriva a cala del Rio Latino, vicino al quale si erge il fortino di Mesola.
In questo luogo, dove germogliano ginestrini delle scogliere e statici marini e dove è presente una forte comunità di gechi e pipistrelli, sono presenti i resti di una calcara, nella quale si fondevano i marmi delle ville romane e la roccia calcarea macinata.
La Cala del Rio comprende anche un tratto di mare particolarmente pescoso, dove si riproducono polpi, cernie, murene, cefali, scorfani e ricci di mare.
Il sentiero prosegue superando il fortino di Mesola ed attraversando una piccola selva di antillide "barba di Giove" definita «Luna fiorita»; quest'ultima anticipa con i suoi riflessi argentei il paesaggio della penisola del Campetiello, la cui roccia è corrosa dal carsismo, dall'acqua e dal vento; questo lembo di terra è infatti molto spesso paragonato ad una «Luna fiorita».
Continuando s'incontra il paesaggio aspro della Cala di Mezzo, noto altrimenti come «Fiordo d'Argento» per la sua bellezza: è un lungo fiordo stretto tra pareti rocciose su cui germogliano numerose specie floreali quali il fiordaliso delle scogliere o la violacciocca.
Procedendo il percorso scende di quota e raggiunge la Cala di Tombosiello, un'area costituita da calcare grigio dove prosperano il ginepro fenicio e la macchia mediterranea.
Il sentiero sorpassa il fortino di Pino, devia passando per il fortino del Cannone e termina in un bivio le cui diramazioni conducono, rispettivamente, alla carrozzabile e alla pineta del Faro. 

Oasi e Castello Barbarossa 
Il Castello Barbarossa, la cui costruzione risale ad un periodo compreso tra l'undicesimo ed il tredicesimo secolo, si erge su di un fianco del Monte Solaro, a 412 metri sul livello del mare.
Nel 1948 Axel Munthe dona allo Stato svedese la Villa S. Michele e il Monte Barbarossa per tutti gli studenti, artisti, scienziati e giornalisti che condividano i suoi stessi sentimenti.
Il museo amministrato dalla Fondazione svedese è aperta al pubblico tutto l'anno, il giovedì pomeriggio è possibile effettuare visite guidate al castello e all'Oasi.
Il percorso dominato dalla macchia mediterranea è di grande suggestione.
Ci si trova immersi, specie tra maggio e giugno in distese gialle di ginestre e tappeti di orchidee dalle diverse sfumature del rosa.
Sulla sommità del monte Barbarossa, che prende il nome dal corsaro Khai-ed- Din, che nel 1535 bruciò il castello, è a disposizione della Swedish Bird Station di Ottenby che, in collaborazione con l'Istituto Nazionale di Biologia della Selvaggina di Bologna e con la Lega Italiana Protezione Uccelli, vi svolge ricerche sugli uccelli migratori.
Il Castello di Barbarossa fu opera del Ducato indipendente di Amalfi e risale alla fine del IX secolo.
La sua posizione geografica consentiva il controllo del mare sia sul versante del golfo di Salerno che su quello di Napoli, proprio alle falde del Monte Solaro.
I lavori in quest'area, con fini completamente diversi, ripresero alla fine dell'Ottocento proprio da Axel Munthe, archeologo per passione.
Il simbolo dell'Oasi è il Falco Pellegrino.
Sono presenti anche rettili endemici come la Lucertola Azzurra, inoltre, è stato allestito un "Sentiero della Natura, un "Giardino delle Farfalle" ed un "Giardino delle Felci", il tutto attrezzato con bacheche didattiche.

 

Partecipanti min / max: 20 / 40 

Quote
. € 130,00 per i soci in camera doppia 135,00 in camera singola 
. € 170,00 per i non soci in camera doppia - 175,00 in camera singola 
Le prenotazioni sono aperte e scadono automaticamente sette giorni dopo la loro effettuazione, anche telefonica, se non confermate dal versamento della quota.

ATTENZIONE: PER ESIGENZE DELL’HOTEL PRENOTAZIONI E PAGAMENTI DELLE QUOTE SI CHIUDONO INDEROGABILMENTE ENTRO IL 1° MARZO. 

 

Altre informazioni utili: 

informazioni e prenotazioni: Punto Touring di Napoli – Via Cimarosa 38, 80127 – Napoli 
lun – ven : 9 /13,30 e 15 / 19 - sab : 9,30 / 13,30 
. tel 081 191 378 07 
. email: prenotazionitcinapoli@gmail.com 

Le prenotazioni sono aperte e scadono automaticamente sette giorni dopo la loro effettuazione, anche telefonica, se non confermate dal versamento della quota.

ATTENZIONE: PER ESIGENZE DELL’HOTEL PRENOTAZIONI E PAGAMENTI DELLE QUOTE SI CHIUDONO INDEROGABILMENTE ENTRO IL 1° MARZO.

Il Corpo Consolare si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione. Le quote non sono rimborsabili in caso di disdetta (vedi regolamento).

 

. Partecipanti min / max: 20 / 40 

Quote

. € 130,00 per i soci in camera doppia 135,00 in camera singola 
. € 170,00 per i non soci in camera doppia - 175,00 in camera singola 

La quota comprende: le visite guidate come da programma, la cena del sabato, un pernottamento con prima colazione presso l’Hotel San Michele di Anacapri, l’assistenza del console, le assicurazioni per la responsabilità 
civile, il compenso per le guide. 

La quota non comprende: gli extra, la tassa di soggiorno, le mance, le spese di carattere personale e tutto quanto non specificato.

 

Programma di massima

Primo giorno: sabato 21 maggio 2016 

Nel corso della mattinata arrivo a Capri con mezzi propri e sistemazione presso l’Hotel San Michele - via Giuseppe Orlandi 1 - 80071 Anacapri - tel 081/8371427. 
Alle ore 12,00 raduno del gruppo Touring presso la hall dell’Hotel San Michele e partenza con autobus di linea per l’inizio del Sentiero dei Fortini.
Escursione guidata lungo il Sentiero dei Fortini. 
Al termine dell’escursione rientro con autobus di linea in albergo. 
Cena e pernottamento. 

Secondo giorno: domenica 22 maggio 2016 

Colazione in albergo. Bagagli in deposito presso l’Hotel San Michele. 
Alle ore 9,00 partenza per l’escursione guidata all’Oasi di Barbarossa. 
Pranzo libero. 
Nel pomeriggio tempo libero. 

Trasferimento autonomo al porto di Capri per il rientro. 

 

Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del TCI e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania. 

Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club