Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Alla scoperta dell’olio e del vino nel Sannio Beneventano

Alla scoperta dell’olio e del vino nel Sannio Beneventano

Nel Sannio beneventano vi è una delle maggiori produzioni di olio e di vino della Regione Campania.
Visita in esclusiva per i soci e gli amici del Touring Club Italiano per conoscere l’olio di Cerreto Sannita, cittadina nota per la pregevole produzione di ceramiche, e il vino di Guardia Sanframondi.

Cerreto Sannita. Il 5 giugno 1688 un tremendo terremoto distrusse la Cerreto medievale, causando la morte di 4.000 persone. Abbandonata e devastata per secoli, oggi sta tornando alla luce con la realizzazione di un Parco Archeologico. Il fiorente centro artigianale e mercantile, la cui economia si basava principalmente sulla pastorizia e l’industria dei panni di lana, fu ricostruito subito dopo il terremoto da Marzio Carafa, che, con il fratello Marino, incaricò il “regio ingegnero” Giovanbattista Manni di progettare una città nuova. Cerreto fu realizzata come città aperta, senza mura, con un impianto urbanistico a maglia ortogonale, che ricorda il centro storico di Torino: da qui l’appellativo di Piccola Torino. 
Cerreto è terra di antica tradizione ceramica. La ceramica qui si è sempre prodotta, come si evince dai tanti frammenti provenienti dagli scavi effettuati nella Cerreto Vecchia. A Cerreto viene prodotto un olio particolarmente pregiato, destinato a chi ama ancora i sapori di una cucina genuina e tradizionale. 
Cantina Sociale "La Guardiense". La cooperativa agricola, una delle più grandi in Italia, è stata fondata nel 1960 da 33 soci. Oggi ne fanno parte circa 1.000 soci: sono agricoltori che coltivano a conduzione diretta più di 1.500 ettari di vigneto, situati in collina ad un’altitudine di circa 350 metri sul livello del mare, dando vita mediamente ad una produzione annua di circa 200.000 quintali di uve. I vitigni principe sono due: Falanghina ed Aglianico. 

Altre informazioni utili: 

Programma di massima 
- ore 10.00: ritrovo dei partecipanti (con mezzi propri) a Cerreto Sannita (BN), in piazza Sodo (all’ingresso della cittadina sulla destra, di fronte alla Cattedrale);
- ore 10,30: accoglienza presso Palazzo Sant’Antonio con degustazione di olio. Visita guidata al Parco Archeologico “Cerreto Vecchia”; 
- ore 12,00: visita a un frantoio;
- ore 13,30: pranzo al sacco o presso ristorante “La Vecchia Quercia” – Cerreto Sannita – al costo di 25,00 euro a persona – prenotazione libera a carico dei singoli partecipanti (tel. 328 8826562) – con il seguente menù: Antipasto (zuppa di ceci e zucca, prosciutto al taglio), Primo (curiul’ con pomodorino giallo e ricotta secca), Secondo e contorno (maiale su pane e baccalà fritto, con patate e broccoli), Dessert (dolce alle castagne e caldarroste), acqua minerale, vino e caffè;
- ore 16,00: visita alla Cantina sociale “La Guardiense” a Guardia Sanframondi;
- ore 17,30: conclusione della manifestazione.

È necessaria la prenotazione presso il Club di Territorio di Benevento inviando una email abenevento@volontaritouring.it 
Quote: la manifestazione è gratuita per i soci e gli amici del Touring Club Italiano. 
Pranzo al sacco o presso ristorante “La Vecchia Quercia” – Cerreto Sannita – al costo di 25,00 euro a persona – prenotazione libera a carico dei singoli partecipanti – per prenotare occorre contattare il console Alfredo Fierro benevento@volontaritouring.it oppure al 328.8826562.
I soci e gli amici del Touring Club Italiano regolarmente iscritti alla manifestazione sono coperti da apposita polizza assicurativa per la responsabilità civile.
Le prenotazioni sono aperte. 
Il Volontario Touring accompagnatore ha la facoltà di variare l’itinerario. La manifestazione si effettua anche in caso di pioggia.
Il Club di Territorio di Benevento del Touring Club Italiano si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione.
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del TCI e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania.
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.