Attenzione

La risorsa che stai cercando non è ancora disponibile.
Ti ricordiamo che il sito è in versione beta ed è in continuo aggiornamento.
Torna a trovarci spesso per scoprire tutte le novità.
Se invece cercavi un contenuto specifico vai su www.touringclub.it per avere la versione completa del nostro sito.

Visualizza

Palazzo Reale

fare

viale Douhet 22 81100 Caserta (Caserta)
Telefono: 0823277430-0823448084
Preceduto da una piazza ellittica e di pianta rettangolare (m 247 x 184), accoglie il visitatore con una facciata scandita da semicolonne e lesene su basamento a bugnato; il prospetto principale è quello rivolto al Parco, che riprende il disegno del fronte verso Napoli. Nell'interno, i cinque piani si dispongono attorno a quattro cortili, collegati tra loro da un atrio monumentale, e accolgono 1200 stanze. L'atrio>, diviso in tre navate, conduce al vestibolo inferiore* (vista del parco), chiuso da otto grandi pilastri: a sinistra è la statua di Ercole proveniente dalla collezione Farnese; a destra inizia lo scenografico scalone d'onore*, la cui rampa centrale inquadra la statua di Carlo di Borbone sul dorso di un leone. Al termine delle successive due rampe si è nel vestibolo superiore*, dove i lacunari della volta formano un curioso effetto a vortice. Si ha di fronte l'ingresso alla cappella Palatina*, la struttura che più si avvicina ai modelli di Versailles.
Subito a sinistra hanno inizio gli Appartamenti reali, eccezionale documento di decorazione e arredo rococò e neoclassico. Nel salone degli Alabardieri, l'affresco di Domenico Mondo nella volta esalta i Borbone; la decorazione del salone delle Guardie celebra la famiglia Farnese (Carlo di Borbone era infatti figlio dell'ultima esponente di quella casata, Elisabetta); il salone di Alessandro accoglie arredi in stile Impero (curioso il quadrante a 24 ore dell'orologio) e offre una bella veduta del viale proveniente da Napoli. Alla prima metà dell'800 data l'Appartamento nuovo, ornato nella sala del Trono dalle raffigurazioni delle province del regno e dei re di Napoli. Più antico l'Appartamento vecchio, arredato con stoffe tessute dalle manifatture di San Lèucio e affrescato nelle volte dei primi quattro ambienti da allegorie mitologiche; in un salone è sistemato un presepe* napoletano del '700 ricco di oltre 1200 statuine, mentre dipinti sette-ottocenteschi (notevoli quelli di Jakob Philipp hackert) completano la decorazione. Dal secondo cortile si accede a destra al Museo dell'Opera, con i modelli* realizzati da Vanvitelli per la Reggia, a sinistra al teatrino di Corte (1769), che sfruttava come fondale il retrostante parco.

Scrivi la tua recensione