Scopri il mondo Touring

Visualizza

Parco regionale dei Nebrodi

localita

SS 113 al km 140 98072 Caronia località Pietragrossa (ME)
Telefono: 095697818
Istituito nel 1993, è il più vasto tra i parchi siciliani. Oltre alla sede, che si trova a Caronia, l'Ente Parco ha un ufficio periferico a Cesarò e numerosi Punti Informativi. L'itinerario principale di fruizione del territorio del parco è la dorsale dei Nèbrodi, che attraversando l'intera area protetta da ovest a est, costituisce un lungo itinerario escursionistico (80 km, diviso in tre tappe) che passa accanto alle uniche zone umide d'alta quota della Sicilia, tra scenari naturali pressoché incontaminati; lungo il percorso, attrezzato con cartelli indicatori, è possibile fermarsi presso diversi punti di sosta, in coincidenza di aree di rilevante interesse naturalistico. Numerose le altre mete meritevoli di essere visitate, seguendo ulteriori percorsi escursionistici, i quali hanno per lo più, come punti nodali di riferimento, le 'portelle' (zone di valico) del territorio. Tra queste, l'escursione al pizzo Pilato, 1567 m, e quella alla vetta del monte Soro, con suoi 1847 m la cima più alta dei Nèbrodi. Ricade nel parco il massiccio della Rocche del Castro, aspre formazioni rocciose di natura calcarea che vanno dal grigio, al bianco, al rosa. Una carrozzabile conduce fino alle quote più alte delle rocche (1315 m), da dove si aprono panorami spettacolari sulle vallate sottostanti e sul Tirreno fino alle isole Eolie. Lungo i sentieri lo sguardo corre alle molte specie di piante (orchidee, anemoni, primule, ciclamini, cardi, krokus, romulee, la diffusissima Euforbia dendroides), ma spesso si alza a seguire nel cielo i voli dei rapaci che popolano le rocche: il gheppio, il falco, lo sparviero, il grifone dei Nèbrodi, l’aquila reale. Per queste ultime due specie il parco sta conducendo, con successo, una campagna di ripopolamento. Impegnativa la passeggiata alla stretta di Longi, una sorta di selvaggio canyon percorso da un fiume, e alle rocche del Crasto (m 1315), aspre formazioni rocciose di natura calcarea, dimora di varie specie di uccelli rapaci, tra cui la maestosa aquila reale; dalla vetta si aprono panorami spettacolari.
Informazioni

Scrivi la tua recensione