Scopri il mondo Touring

Visualizza

Dolcedo

localita

Dolcedo (IM)
Cinque i nuclei urbani raccolti a formare questo comune della valle del Prino, con centro amministrativo a Piazza, il più consistente, dove si concentrano anche le emergenze monumentali di maggiore rilievo, testimonianza della ricchezza del paese basata, a partire dal tardo medioevo, sulla coltura dell’olivo. A cominciare dal caratteristico ponte Grande (1292), che unisce con un’unica arcata le due sponde del torrente Prino. Altri quattro ponti uniscono l’abitato disposto sulle due rive, caratterizzato da stretti carruggi e da edifici molto alti, con ampi loggiati ai piani superiori, le altane, utilizzate in passato per l’essiccazione della frutta e dei funghi. Sulla riva destra, la seicentesca loggia del Monte di Pietà, oggi sede del Comune – dove sono conservate misure di capacità datate 1613, anno che vide Dolcedo ottenere l’autonomia da Porto Maurizio – conduce alla graziosa piazzetta, con pavimentazione a ciottoli bianchi e neri, su cui affaccia la chiesa di S. Tommaso Apostolo. Congiunto agli edifici attigui, il tempio rivela il solo prospetto frontale, con un portale gotico in pietra nera (1492); il resto è frutto della ristrutturazione in chiave barocca operata nel 1738. Tra le opere d’arte custodite all’interno si segnalano una tela (Martirio di S. Pietro da Verona) di Gregorio De Ferrari e un Crocifisso in legno risalente al secolo XV.
Da sempre luogo di scambi, Dolcedo conserva, sul fronte della palazzata lungo il Prino, le porte originali delle antiche botteghe, attrezzate di banco di vendita. Vocazione mercantile che non è mai venuta meno: il paese è sede suggestiva di un mercato del prodotto biologico a cadenza mensile. Numerose sono le escursioni a piedi e in mountain bike che partono dal borgo.
Continuando oltre Dolcedo è possibile compiere il giro della testata della valle del Prino, in un bel contesto ambientale e panoramico, toccando Prelà, formato da nuclei sparsi dediti alla coltivazione degli olivi, e Vasia con la sua frazione Valloria: questi paesi sono collegati da una rete di sentieri che consente belle escursioni.

Scrivi la tua recensione