Scopri il mondo Touring

Visualizza

Fara San Martino

localita

undefined (CH)
Si trova in ambiente alpestre, sul ripiano di un colle ai piedi del versante orientale della Maiella. Il paese si è sviluppato intorno al monastero benedettino di S. Martino in Valle (ruderi nelle gole di S. Martino), e che è ricordato fin dall'884. Il nome di origine longobarda (Fara corrisponde a gens) è già menzionato alla fine del XII secolo nel diminutivo "Faricciola". Fortemente danneggiato durante la seconda guerra mondiale, il borgo è risolto intorno al caratteristico nucleo antico di Terravecchia, a struttura ortogonale, cui si accede attraverso una porta ad arco. È famoso per i suoi pastifici che esportano in tutto il mondo. La parrocchiale di S. Remigio custodisce una tela del XVII secolo raffigurante la Circoncisione (1612-14). A monte dell'abitato si aprono le selvagge gole di S. Spirito, o di S. Martino, scavate dall'azione erosiva del fiume Verde nel versante orientale della Maiella. L'area è compresa nella Riserva naturale Fara San Martino-Palombaro (4202 ettari) nella quale predominano fitti boschi di pino mugo e faggete. L'area protetta si estende in direzione nord nella contigua Riserva Feudo Ugni, di 1563 ettari, che culmina con il monte Focalone (m 2676). Entrambe le riserve hanno sentieri segnalati e aree di sosta attrezzate.

Scrivi la tua recensione