Scopri il mondo Touring

L'Aquila

localita

undefined (AQ)
Una città dai perenni lavori in corso. Distrutta nel XIII secolo da Manfredi perché colpevole di essere rimasta fedele alla Chiesa nella diatriba tra papato e impero, cadde ancora, trecento anni dopo, con il dominio degli spagnoli. Devastata dal sisma del 1703, subì un importante restyling urbano dopo l'Unità d'Italia, con la costruzione di portici e l'abbellimento dell'arredo pubblico, tra sculture, fontane e monumenti.

“L'Aquila si presenta oggi come una città medievale con architetture barocche”, così recitano i testi Touring che le attribuiscono splendide chiese e basiliche, palazzi nobiliari, bellissimi cortili e interessanti musei. La storia più recente ci dice un'altra verità e se le cronache del '700 ci raccontano a parole del terremoto (si stima abbia avuto una magnitudo di 6.7 gradi della Scala Richter), quello del 6 aprile 2009, di intensità leggermente inferiore (6.3 gradi), l'abbiamo “vissuto” in presa diretta e sono davanti agli occhi di tutti le immagini delle macerie e il dramma di un'intera cittadinanza.

C'era una volta “L'Aquila”, quella punteggiata di palazzi baroccheggianti, di molti edifici di valore, storico e culturale, di altri parte di quella memoria collettiva e individuale che faceva loro attribuire un significato al di là della loro bellezza o antichità, come la tristemente nota Casa dello Studente. Seri i danni, soprattutto nel centro storico: crollati il transetto della basilica di S. Maria di Collemaggio, una parte del transetto del Duomo, la cupola della chiesa delle Anime Sante, il campanile e l'abside della basilica di S. Bernardino, per citarne solo alcuni..
Oggi rimane il ricordo di grandi monumenti, la paura, ma anche tanta voglia di rimboccarsi le maniche e ricostruire, ancora una volta, questa bellissima città che ha saputo rialzarsi più e più volte nel corso della sua storia.

Scrivi la tua recensione