Scopri il mondo Touring

Visualizza

Isola del Giglio

localita

Isola del Giglio (GR)
La seconda isola dell’Arcipelago Toscano, a 14 chilometri dall’Argentario, ha una superficie di una ventina di chilometri quadrati ed è completamente montuosa, con coste frastagliate e impervie, ricche di cale e di insenature suggestive.
Fu abitata in epoca preistorica, e frequentata da etruschi e romani: a cala Saracena, vicino a Giglio Porto, si trovano i resti immersi nell'acqua di una villa romana. Nel medioevo l’isola fu dominata da Pisa, ma nel corso del ’400 entrò nell’orbita fiorentina. La minaccia di attacchi barbareschi rimaneva comunque costante, tanto che nel 1544 settecento abitanti furono deportati come schiavi. Il Giglio fu poi ripopolata chiamando contadini senesi.
La doppia natura dell’isola – marinara da un lato e agricola dall’altro – è testimoniata dalla tradizionale rivalità fra Giglio Porto e Giglio Castello.
Da Giglio Porto, piccolo centro turistico e commerciale, si sale a Giglio Castello, a 405 metri sul livello del mare, con una cinta muraria pisana interrotta da torri cilindriche e rettangolari. All’interno si trovano la rocca e la parrocchiale, entrambe di origine trecentesca, in mezzo a un compatto tessuto di vicoli, di piccole case con scala esterna, di logge e di archi.
Da Giglio Castello cominciano due strade: una verso la punta di Capel Rosso, l’altra per Giglio Campese, luogo balneare e terzo abitato dell’isola, con una torre seicentesca e uno splendido arenile.
L’isola è percorsa da una fitta rete di sentieri, organizzata in trentatré itinerari; è molto interessante anche la circumnavigazione in barca, che richiede circa mezza giornata.

Scrivi la tua recensione